Giornata Mondiale dell’Habitat 2023

    La Giornata Mondiale dell'Habitat ci invita a riflettere sull'importanza dell'ambiente in cui viviamo e della sua conservazione. Scopri come 3Bee si impegna concretamente nella rigenerazione degli habitat urbani e naturali con le Oasi della Biodiversità, in occasione del World Habitat Day.
    Giornata Mondiale dell’Habitat 2023

    PROTEGGIAMO LE API

    habitat colibrì

    Che cos’è un habitat

    Secondo il Glossario ISPRA, il termine “habitat” si riferisce all’insieme delle condizioni ambientali fisiche (ad esempio, luce e temperatura) e chimiche (ad esempio, concentrazione di sostanze nutritive) in cui un organismo cresce ed espleta le sue funzioni vitali. L'insieme degli organismi che popolano un habitat prende il nome di comunità. L’habitat è quindi il luogo che ha le caratteristiche fisiche e ambientali più idonee per una determinata specie, che riesce così a vivere, riprodursi e svilupparsi.

    habitat storia

    Giornata Mondiale dell'Habitat: la storia

    Celebrata ogni anno il primo lunedì di ottobre, la Giornata Mondiale dell’Habitat è stata istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1985. L’obiettivo di questa Giornata Mondiale è di invitare a riflettere sulle condizioni delle città nel mondo: ogni cittadino ha il diritto di avere un’abitazione sicura e ogni essere umano ha il potere e la responsabilità di plasmare l’ambiente in cui vive. Nel tempo, i temi della Giornata sono stati diversi. Il primo evento, svoltosi a Nairobi nel 1986, aveva come titolo “Un riparo è un diritto”. Negli anni a seguire, alcuni dei temi hanno riguardato le città, in particolare “città del futuro” e “città più sicure”. Ma anche la sostenibilità è stato un tema di grande attenzione: nel 2011, in Messico, è stato analizzato il rapporto tra città e cambiamento climatico. Infine, nel 2022, il World Habitat Day si è focalizzato sul problema della crescente disuguaglianza e delle sfide nelle città e negli insediamenti umani.

    world habitat day 2023

    Giornata Mondiale dell’Habitat 2023: resilienza e recupero

    La Giornata Mondiale dell’Habitat 2023, che si terrà il prossimo 2 ottobre, pone l'accento sulla resilienza e il recupero, soprattutto nei contesti urbani. Con oltre la metà della popolazione mondiale che vive nelle città e una stima che prevede un incremento fino al 70% entro il 2050, le città diventano inevitabilmente il teatro principale per affrontare le sfide globali. Che si tratti di pandemie, recessioni economiche, conflitti o emergenze climatiche, le città devono essere preparate a recuperare rapidamente. L’evento di quest’anno si svolgerà a Baku, in Azerbaijan e il tema sarà "Economie urbane resilienti. Le città come motore della crescita e della ripresa". Si riuniranno rappresentanti dei governi nazionali e delle autorità locali e regionali, oltre a vari gruppi di parti interessate e rappresentanti della società civile.

    impegno 3Bee giornata mondiale dell'habitat 2023

    L'Impegno di 3Bee per la Giornata Mondiale dell’Habitat

    3Bee è l’azienda climate-tech leader nella tutela della biodiversità tramite la tecnologia, con una missione fondamentale: proteggere gli impollinatori, veri eroi e custodi degli ecosistemi e della varietà biologica, e ripristinare i loro habitat. 3Bee si fonda su tre pilastri fondamentali. Il primo è il monitoraggio: 3Bee utilizza tecnologie innovative di remote sensing per monitorare lo stato di salute degli impollinatori e della biodiversità. Questo permette di identificare eventuali criticità e adottare misure tempestive per la loro tutela. Il secondo pilastro è la rigenerazione: 3Bee è pioniere nella creazione di Oasi della Biodiversità. Ad oggi, abbiamo realizzato oltre 200 Oasi in tutta Italia. Il terzo, ma non ultimo, pilastro è l'educazione: 3Bee ha infatti l'obiettivo di sensibilizzare cittadini, scuole e imprese rispetto agli importanti temi di tutela della biodiversità, degli insetti impollinatori e dei loro habitat.

    Oasi della Biodiversità per la rigenerazione degli habitat

    L'approccio di 3Bee nella conservazione della biodiversità è rivoluzionario. Grazie all'uso di tecnologie innovative, 3Bee è in grado di ascoltare gli impollinatori e intervenire quando necessario. I sensori e algoritmi sviluppati permettono di raccogliere dati quantificabili sul loro stato di salute e sull'habitat che li ospita, rendendoli accessibili a tutti. Questa trasparenza non solo migliora la comprensione e sensibilizzazione sullo stato degli impollinatori, ma favorisce anche lo sviluppo di soluzioni mirate e l'implementazione di azioni di conservazione efficaci a cui tutti possono contribuire. In questo contesto si inseriscono le Oasi della Biodiversità: habitat urbani e agroforestali, rifugi per impollinatori e biodiversità vegetale: certificati, tecnologicamente avanzati e tracciabili. In occasione della Giornata Mondiale dell'Habitat, agiamo in maniera concreta per creare un futuro più sostenibile, in cui la conservazione della biodiversità e degli habitat siano al centro.

    “Voci dalle Oasi”: la playlist di 3Bee per la biodiversità

    In vista della Giornata Mondiale dell’Habitat 2023, 3Bee lancia “Voices from the Oases” (Voci dalle Oasi), la prima ed unica playlist disponibile su Spotify, che suona per la salvaguardia della biodiversità riproducendo i suoni unici degli impollinatori registrati dalla tecnologia proprietaria Spectrum. Il progetto è affiancato da una speciale campagna che 3Bee ha realizzato con il supporto di Metro 5 Milano: nelle stazioni di Milano Porta Garibaldi e Lotto infatti, fino al 15 ottobre 2023, saranno presenti oltre 50 affissioni interamente dedicate agli insetti impollinatori, preziosi custodi della biodiversità. I viaggiatori potranno immergersi in una vera e propria mostra musicale dedicata al tema, che simboleggia un urgente richiamo all'azione per proteggere il nostro fragile ecosistema. La perdita di biodiversità infatti, proprio perché non è monitorata, è un’emergenza urgente da affrontare.

    Di Elena Fraccaro25 settembre 2023
    Visualizzazioni858Visualizzazioni
    Condividi

    Domande Frequenti

    Hai dei dubbi o altre curiosità su questo articolo? Qui troverai spunti

    Che cos'è un habitat?

    Secondo il Glossario ISPRA, il termine “habitat” si riferisce all’insieme delle condizioni ambientali fisiche (ad esempio, luce e temperatura) e chimiche (ad esempio, concentrazione di sostanze nutritive) in cui un organismo cresce ed espleta le sue funzioni vitali. L'insieme degli organismi che popolano un habitat prende il nome di comunità. L’habitat è quindi il luogo che ha le caratteristiche fisiche e ambientali più idonee per una determinata specie, che riesce così a vivere, riprodursi e svilupparsi.

    Quando è stata istituita la Giornata Mondiale dell'Habitat?

    Celebrata ogni anno il primo lunedì di ottobre, la Giornata Mondiale dell’Habitat è stata istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1985. L’obiettivo di questa Giornata Mondiale è di invitare a riflettere sulle condizioni delle città nel mondo: ogni cittadino ha il diritto di avere un’abitazione sicura e ogni essere umano ha il potere e la responsabilità di plasmare l’ambiente in cui vive. Nel tempo, i temi della Giornata sono stati diversi. Il primo evento, svoltosi a Nairobi nel 1986, aveva come titolo “Un riparo è un diritto”. Negli anni a seguire, alcuni dei temi hanno riguardato le città, in particolare “città del futuro” e “città più sicure”. Ma anche la sostenibilità è stato un tema di grande attenzione: nel 2011, in Messico, è stato analizzato il rapporto tra città e cambiamento climatico. Infine, nel 2022, il World Habitat Day si è focalizzato sul problema della crescente disuguaglianza e delle sfide nelle città e negli insediamenti umani.

    Qual è il tema della Giornata Mondiale dell'Habitat 2023?

    La Giornata Mondiale dell’Habitat del 2023, che si terrà il prossimo 2 ottobre, pone l'accento sulla resilienza e il recupero, soprattutto nei contesti urbani. Con oltre la metà della popolazione mondiale che vive nelle città e una stima che prevede un incremento fino al 70% entro il 2050, le città diventano inevitabilmente il teatro principale per affrontare le sfide globali. Che si tratti di pandemie, recessioni economiche, conflitti o emergenze climatiche, le città devono essere preparate a recuperare rapidamente. L’evento di quest’anno si svolgerà a Baku, in Azerbaijan e il tema sarà "Economie urbane resilienti. Le città come motore della crescita e della ripresa". Si riuniranno rappresentanti dei governi nazionali e delle autorità locali e regionali, oltre a vari gruppi di parti interessate e rappresentanti della società civile.

    Gli ultimi articoli

    PROTEGGIAMO LE API