Sostenibilità: l'importanza della formazione continua

    Il Report "Skills Outlook 2023" dell'OCSE evidenzia l'importanza della formazione continua per promuovere la resilienza economica e sociale. Scopri in questo articolo l'importanza di sviluppare una vasta gamma di competenze, sia per le nuove generazioni che in ambito aziendale.
    Sostenibilità: l'importanza della formazione continua

    PROTEGGIAMO LE API

    formazione continua

    Formazione continua: il pilastro per un futuro sostenibile

    La formazione continua si rivela essenziale per affrontare le sfide future, non solo nel campo delle nuove tecnologie ma anche nella gestione delle dinamiche sociali. Questo è quanto emerge dal "Skills Outlook 2023" dell'OCSE, che sottolinea l'importanza delle competenze per massimizzare i benefici dell'intelligenza artificiale e della robotica, facilitare la transizione verso un'economia a impatto zero e mantenere alti livelli di occupazione e benessere. L'OCSE incita i Paesi a incrementare gli sforzi per potenziare l'istruzione e offrire maggiori possibilità di aggiornamento e riqualificazione professionale. È fondamentale, quindi, dotare le persone di un insieme variegato di abilità, incluse quelle per la gestione dell'informazione, socio-emotive e metacognitive, per assicurare un'applicazione efficace in questo scenario in rapida evoluzione.

    apprendimento

    Migliorare l'accesso all'apprendimento per tutti

    Mentre il mercato del lavoro evolve rapidamente, solo il 40% degli adulti nei paesi OCSE partecipa a formazione legata al lavoro, sia formale che informale. Questa bassa partecipazione limita le possibilità di aggiornamento e riqualificazione, chiudendo le porte a nuove opportunità professionali in un'era dominata dalle innovazioni tecnologiche. È essenziale sviluppare competenze avanzate, da quelle informatiche a quelle creative, per rimanere al passo con la crescente domanda di abilità digitali, analitiche e comunicative. Il "Skills Outlook 2023" evidenzia l'urgenza di migliorare l'accesso all'apprendimento per tutti - in linea con l'Obiettivo 4 dell'Agenda 2030 dell'ONU - enfatizzando la necessità di un sistema educativo che promuova un'ampia varietà di abilità, inclusa la padronanza linguistica, per navigare con successo le sfide del futuro lavorativo.

    sfide ambientali

    Educazione e Sfide Ambientali

    Il rapporto "Skills Outlook 2023" dell'OCSE evidenzia la necessità per i sistemi educativi di intensificare gli sforzi nel formare le giovani generazioni sui temi della sostenibilità ambientale. È cruciale non solo sviluppare le competenze tecniche necessarie per promuovere obiettivi ecologici, ma anche infondere la determinazione a realizzare tali obiettivi. Attualmente, solo un terzo dei giovani nei paesi OCSE dimostra di possedere una combinazione di conoscenze scientifiche base, atteggiamenti e comportamenti proattivi verso l'ambiente, una percentuale troppo bassa per le ambizioni di un'economia verde. È quindi fondamentale avere le competenze, ma è anche necessaria la volontà di agire: secondo l'OCSE, ben sette giovani su dieci non padroneggiano le dimensioni emotiva, comportamentale e cognitiva della sostenibilità ambientale. Per questo, è più difficile che mettano in atto comportamenti volti a promuovere la sostenibilità ambientale.

    fake news ambiente

    Educazione, Fake News e Ambiente

    Questo quadro trasmette l'urgente bisogno di un'educazione che vada oltre il sapere tecnico, per abbracciare anche il saper essere e il saper fare in armonia con l'ambiente. I ricercatori dell'OCSE sottolineano infatti che lo sviluppo di competenze nell'ambito della sostenibilità ambientale e delle tecnologie digitali è fondamentale per costruire un'economia, una società, ma anche un futuro resiliente. Nel Report emerge anche il tema delle fake news: nei Paesi dell'OCSE, sei adulti su dieci hanno il timore di ricevere informazioni false dal web, mentre circa sette adulti su dieci percepiscono i cambiamenti climatici come una minaccia. Il degrado ambientale e i contesti inaffidabili dell’informazione mettono quindi a dura prova le economie e le società di tutto il mondo e rappresentano una fonte di timore e inquietudine da non trascurare.

    Academy 3Bee

    Formazione continua ESG in azienda: l’Academy 3Bee

    3Bee è da sempre impegnata nella divulgazione in ambito biodiversità al fianco di enti, aziende e scuole, con l’obiettivo di creare una rete di ambasciatori del cambiamento, consapevoli dell’importanza della biodiversità per il nostro pianeta. In questo contesto si inserisce l’Academy 3Bee, che include teoria della sostenibilità ed esperienze interattive per una nuova proposta formativa ingaggiante in ambito ESG. La formazione è rivolta a rafforzare i programmi di engagement dei reparti HR, Marketing, Sustainability e consente alle aziende di fornire ai dipendenti gli strumenti utili per contribuire attivamente a un cambiamento positivo e alla cultura aziendale della sostenibilità, coniugando sviluppo professionale e responsabilità sociale e ambientale. Un’opportunità di aggiornamento continuo nell’ambito della sostenibilità, basato su un approccio Blended Learning che combina formazione in presenza e online (modalità ibrida), in base alle esigenze aziendali. Vuoi saperne di più?

    Di Elena Fraccaro7 febbraio 2024
    Visualizzazioni22Visualizzazioni
    Condividi

    Domande Frequenti

    Hai dei dubbi o altre curiosità su questo articolo? Qui troverai spunti

    Cosa emerge dal Report "Skills Outlook 2023" dell'OCSE?

    La formazione continua si rivela essenziale per affrontare le sfide future, non solo nel campo delle nuove tecnologie ma anche nella gestione delle dinamiche sociali. Questo è quanto emerge dal "Skills Outlook 2023" dell'OCSE, che sottolinea l'importanza delle competenze per massimizzare i benefici dell'intelligenza artificiale e della robotica, facilitare la transizione verso un'economia a impatto zero e mantenere alti livelli di occupazione e benessere. L'OCSE incita i Paesi a incrementare gli sforzi per potenziare l'istruzione e offrire maggiori possibilità di aggiornamento e riqualificazione professionale. È fondamentale, quindi, dotare le persone di un insieme variegato di abilità, incluse quelle per la gestione dell'informazione, socio-emotive e metacognitive, per assicurare un'applicazione efficace in questo scenario in rapida evoluzione.

    Perché lo sviluppo delle competenze è importante?

    Mentre il mercato del lavoro evolve rapidamente, solo il 40% degli adulti nei paesi OCSE partecipa a formazione legata al lavoro, sia formale che informale. Questa bassa partecipazione limita le possibilità di aggiornamento e riqualificazione, chiudendo le porte a nuove opportunità professionali in un'era dominata dalle innovazioni tecnologiche. È essenziale sviluppare competenze avanzate, da quelle informatiche a quelle creative, per rimanere al passo con la crescente domanda di abilità digitali, analitiche e comunicative. Il "Skills Outlook 2023" evidenzia l'urgenza di migliorare l'accesso all'apprendimento per tutti - in linea con l'Obiettivo 4 dell'Agenda 2030 dell'ONU - enfatizzando la necessità di un sistema educativo che promuova un'ampia varietà di abilità, inclusa la padronanza linguistica, per navigare con successo le sfide del futuro lavorativo.

    Perché la formazione in ambito sostenibilità è importante?

    Il rapporto "Skills Outlook 2023" dell'OCSE evidenzia la necessità per i sistemi educativi di intensificare gli sforzi nel formare le giovani generazioni sui temi della sostenibilità ambientale. È cruciale non solo sviluppare le competenze tecniche necessarie per promuovere obiettivi ecologici, ma anche infondere la determinazione a realizzare tali obiettivi. Attualmente, solo un terzo dei giovani nei paesi OCSE dimostra di possedere una combinazione di conoscenze scientifiche base, atteggiamenti e comportamenti proattivi verso l'ambiente, una percentuale troppo bassa per le ambizioni di un'economia verde. È quindi fondamentale avere le competenze, ma è anche necessaria la volontà di agire: secondo l'OCSE, ben sette giovani su dieci non padroneggiano le dimensioni emotiva, comportamentale e cognitiva della sostenibilità ambientale. Per questo, è più difficile che mettano in atto comportamenti volti a promuovere la sostenibilità ambientale.

    Gli ultimi articoli

    PROTEGGIAMO LE API