Obiettivo SDG 2: porre fine alla fame e alla malnutrizione

    Scopri come l'Obiettivo 2 degli SDG mira a porre fine alla fame e alla malnutrizione in tutto il mondo. Esplora la situazione attuale e scopri come le aziende possono contribuire a raggiungere questo obiettivo. Esplora i punti chiave dell'Obiettivo 2, le sfide e le possibili soluzioni per il futuro.
    Obiettivo SDG 2: porre fine alla fame e alla malnutrizione

    PROTEGGIAMO LE API

    SDG 2 fame zero

    Introduzione all'Obiettivo SDG 2

    Dopo aver approfondito l'Obiettivo SDG1 e il tema della povertà, ci concentriamo ora sull'Obiettivo SDG2 dell'Agenda 2030 dell'ONU che mira a porre fine alla fame e alla malnutrizione in tutto il mondo, promuovendo l'agricoltura sostenibile e la sicurezza alimentare. Nonostante alcuni progressi significativi in diversi paesi, circa 800 milioni di persone nel mondo soffrono ancora di denutrizione e malnutrizione, la maggior parte delle quali sono donne e bambini. L'obiettivo del 2030 è quello di eliminare la fame e tutte le forme di malnutrizione nel mondo. Circa il 70% delle persone che soffrono di denutrizione dipendono direttamente o indirettamente dall'agricoltura per il loro sostentamento, mettendo i piccoli agricoltori a rischio di malnutrizione.

    Fame e malnutrizione

    La fame e la malnutrizione nel mondo e in Italia

    Nonostante gli sforzi internazionali, la fame e la malnutrizione rappresentano ancora una sfida significativa nel mondo. Attualmente, circa 800 milioni di persone nel mondo soffrono di denutrizione, mentre 2 miliardi di persone non hanno accesso a cibo nutriente e sufficiente. La maggior parte delle persone colpite da denutrizione sono donne e bambini, in particolare quelli che vivono in aree rurali. Anche in Italia, la fame e la malnutrizione sono ancora presenti. Secondo il Rapporto ASviS del 2022, circa 5,6 milioni di persone, di cui 1,4 milioni sono minori, vivono in condizioni di povertà assoluta e l'insicurezza alimentare è un problema sempre più diffuso. Nonostante la crescita del consumo di alimenti biologici, sempre meno persone seguono una dieta equilibrata e sana.

    fame bambini SDG 2

    Porre fine alla malnutrizione nei bambini sotto i 5 anni

    L’agenda non manca di porre il focus proprio sui più piccoli. Secondo i dati veicolati dalle Nazioni Unite, prima della pandemia, il 6,9% dei bambini al di sotto dei cinque anni soffriva di deperimento, la percentuale cresce al 21,4% quando si considerano quelli fisicamente sottosviluppati a causa della mancanza di cibo. Secondo i dati diffusi da Save the Children, attualmente, sono 5,7 milioni i bambini sotto i cinque anni a rischio di insicurezza alimentare, un numero del 50% più elevato rispetto al 2019. Di fronte a questi numeri, uno degli obiettivi dell’agenda è quello di eliminare tutte le forme di denutrizione e malnutrizione. Inoltre, entro il 2025, dovrà essere arrestato il deperimento dei bambini sotto i 5 anni di età. Altre categorie particolarmente sensibili sono le ragazze adolescenti, le donne in gravidanza e in allattamento, le persone anziane.

    agricoltura sostenibile

    Agricoltura sostenibile: raddoppiare la produttività

    Un altro aspetto fondamentale per raggiungere l'obiettivo di porre fine alla fame e garantire un accesso sicuro a cibo nutriente per tutti è l'agricoltura sostenibile. L'Obiettivo SDG 2 mira a raddoppiare la produttività agricola dei produttori su piccola scala entro il 2030, garantendo al contempo il reddito delle donne, delle popolazioni indigene e delle famiglie di agricoltori, pastori e pescatori. Per raggiungere questo obiettivo e garantire la sostenibilità ambientale, è necessario adottare pratiche agricole resilienti e promuovere la diversità genetica di piante e bestiame. In questo contesto, 3Bee si impegna a promuovere l'agricoltura sostenibile attraverso il progetto Element-E, grazie al quale i produttori agricoli possono certificare il proprio impatto sulla biodiversità e contribuire alla salvaguardia degli ecosistemi locali.

    aziende diritto cibo

    Il ruolo delle aziende nel garantire il diritto al cibo

    Le aziende hanno un ruolo fondamentale nell'attuazione dell'Obiettivo SDG 2. Grazie alla loro capacità di investimento e innovazione, possono contribuire a promuovere l'agricoltura sostenibile e garantire l'accesso al cibo per tutti. In particolare, le aziende del settore agroalimentare possono adottare pratiche sostenibili di produzione e distribuzione, supportare i produttori su piccola scala e promuovere la diversità genetica di piante e animali. Le aziende possono anche investire in tecnologie e innovazioni per migliorare l'efficienza della produzione e ridurre gli sprechi alimentari. Inoltre, possono collaborare con le comunità locali e le organizzazioni internazionali per affrontare le sfide dell'accesso al cibo e dell'insicurezza alimentare. Le aziende devono dunque agire in modo sostenibile per contribuire attivamente alla realizzazione dell'Obiettivo 2, prestando attenzione anche al proprio impatto.

    lavorare insieme per combattere la fame

    Conclusioni: lavorare insieme per porre fine alla fame

    In conclusione, l'Obiettivo 2 dell'Agenda 2030 rappresenta un passo importante nella lotta contro la fame e la malnutrizione. L'eliminazione della fame e la promozione dell'agricoltura sostenibile sono obiettivi che richiedono un impegno collettivo da parte di governi, aziende, organizzazioni non governative e individui. Tuttavia, nonostante gli sforzi compiuti negli ultimi anni, la fame nel mondo è ancora una realtà e l'accesso al cibo per tutti non è ancora una realtà. È necessario continuare ad agire in modo coordinato e adottare misure concrete per raggiungere questi obiettivi entro il 2030.

    Element-E powered by 3Bee

    Il nostro contributo per la sicurezza alimentare globale

    In 3Bee crediamo fortemente nell'importanza dell'agricoltura sostenibile per garantire l'accesso al cibo per tutti. Sistemi di produzione alimentare sostenibili e pratiche agricole che aumentano la produttività e la produzione contribuiscono a mantenere gli ecosistemi e a rafforzare la capacità di adattamento ai cambiamenti climatici. In questo modo il territorio e la qualità del suolo migliorano progressivamente. Con Element-E, supportiamo le aziende nella certificazione del loro impatto sulla biodiversità per sostenere la conservazione degli impollinatori e della flora locale. Interveniamo dunque sull'Obiettivo SDG 2 al fianco delle aziende che desiderano adottare pratiche agricole sostenibili e promuovere il diritto al cibo. Contattaci per saperne di più e per scoprire come possiamo aiutare la tua azienda a dare un contributo tangibile per il raggiungimento dell'Obiettivo SDG 2.

    Di Elena Fraccaro26 maggio 2023
    Visualizzazioni2844Visualizzazioni
    Condividi

    Gli ultimi articoli

    PROTEGGIAMO LE API