La poca limpidezza dell’acqua danneggia la strolaga maggiore
    ClimaImpattoStudioRisultati

    La poca limpidezza dell’acqua danneggia la strolaga maggiore

    I cambiamenti climatici stanno modificando l’ambiente in maniera estremamente rapida, non permettendo agli esseri viventi di adattarsi per tempo alle nuove condizioni ambientali. Ne è un esempio la Strolaga maggiore, iconico uccello le cui popolazioni stanno diminuendo vertiginosamente.

    Leggi l'articolo
    24/04/2024Di Alessia Mircoli
    129 Visualizzazioni
    24/04/2024Di Alessia Mircoli
    129 Visualizzazioni

    Gli effetti nascosti del cambiamento climatico

    E’ evidente ormai che il cambiamento climatico sia un fenomeno che ha rapidamente stravolto gli equilibri ambientali impattando gravemente gli ecosistemi. Tuttavia, i meccanismi attraverso i quali colpisce le singole specie non sono altrettanto semplici da individuare. Una strategia per evidenziarli consiste nell’identificare uno specifico fattore ecologico correlato alla sopravvivenza o alla riproduzione di una certa specie e determinare in che modo questo è influenzato dal clima. In tale contesto si inserisce una nuova ricerca, i cui risultati sono stati pubblicati su Ecology, che vede come protagonista la Strolaga Maggiore (Gavia immer). Si tratta di un uccello tuffatore che caccia pesci e altre prede, le cui popolazioni hanno subito un forte declino a causa di una condizione ambientale ben specifica: la limpidezza dell’acqua.

    lago

    L’impatto delle precipitazioni sulla Strolaga Maggiore

    La strolaga maggiore si riproduce nei laghi d'acqua dolce dall'Alaska orientale al Canada settentrionale, comprese porzioni di 14 stati degli Stati Uniti. Diversi studi sostengono che la specie prediliga specchi d’acqua con elevata limpidezza dell’acqua, inoltre è stato dimostrato che effettua immersioni di maggiore durata quando questa condizione si verifica in inverno. Il team di ricercatori ha dimostrato che le precipitazioni di luglio determinano una ridotta limpidezza dell’acqua che, a sua volta, rende difficile per gli adulti individuare e catturare le loro prede sott’acqua. Questo si traduce in un mancato nutrimento dei loro pulcini e, di conseguenza, una maggiore probabilità di mortalità di questi ultimi. Questi risultati sono stati ottenuti studiando le popolazioni del nord del Wisconsin, ma è probabile che la situazione sia la medesima in altre zone dell’areale di diffusione di questa specie.

    strolaga pesca
    3Bee

    Lo studio

    Per giungere a questo risultato, il team di ricercatori ha studiato un’area comprendente circa 200 laghi glaciali. Questi ospitano 105-120 territori di riproduzione, pari a circa l'8%-10% della popolazione riproduttiva totale del Wisconsin. Qui gli studiosi hanno catturato, pesato e rilasciato molti degli individui ivi presenti. Inoltre, attraverso il linguaggio di programmazione R, hanno elaborato un modello che ha permesso di calcolare la limpidezza media dell’acqua a giugno e a luglio specifica per ciascun territorio e anno. Infine, hanno acquisito dati post-elaborati sulla temperatura dell'aria e sulle precipitazioni e valutato anche gli impatti dell’uomo sulle zone prese in esame.

    dati

    I risultati dello studio

    L’analisi dei dati ha condotto i ricercatori ad una triste presa di consapevolezza. Negli ultimi 25 anni si è verificato un costante calo della limpidezza dell’acqua: in media 0,022 m all'anno, che equivale a un calo cumulativo di 0,59 m dal 1995 al 2021. Grazie ad ulteriori analisi, i ricercatori sono stati in grado di individuare la limpidezza media dell’acqua durante luglio, il mese di crescita più rapida nei pulcini. La loro massa è strettamente legata a questo mese perché, non potendo volare fino a 11 settimane, dipendono completamente dalle cure dei genitori e dal cibo che questi ultimi riescono a procacciare loro. Hanno scoperto, infine, che le precipitazioni che si verificano in questo periodo influiscono negativamente sulla limpidezza dell’acqua. Questo fenomeno osservato negli ultimi decenni, attribuito al cambiamento climatico, ostacola la strolaga maggiore nel nutrire la prole e diminuisce i tassi di sopravvivenza dei pulcini.

    strolaga morta
    3Bee

    Perchè varia la limpidezza dell’acqua?

    E’ evidente, quindi, che a causa dell’alterazione del clima, il mese di luglio è caratterizzato dalla presenza di forti piogge che rendono meno nitida l’acqua. Tuttavia, non è altrettanto chiaro il motivo per il quale l’acqua “si sporca”, che è attualmente oggetto di studio. Gli autori della ricerca suggeriscono che la pioggia potrebbe trasportare la materia organica disciolta (DOM) nei laghi dai corsi d’acqua adiacenti e dalle aree costiere. Ma è anche possibile che la colpa sia dei nutrienti (come i fertilizzanti utilizzati sui prati dai residenti sulle rive del lago), dei rifiuti di animali domestici o persino delle perdite dai sistemi settici. in ogni caso, sono necessarie ulteriori indagini affinché si possa giungere ad una conclusione certa.

    gocce acqua

    L’unione fa la forza

    Questo studio è il perfetto esempio di quanto sia necessaria la collaborazione tra diversi settori e specializzazioni per garantire la salvaguardia della biodiversità. Lo studio trentennale sull'ecologia comportamentale di questi uccelli nel Wisconsin settentrionale si interseca con l’attuale ricerca sulla limpidezza dei laghi d’acqua dolce. I ricercatori affermano che lo scopo adesso è quello di compiere una ricerca simile in Minnesota per verificare se, proprio come è successo nel Wisconsin, il recente calo nel successo della riproduzione della strolaga deriva, anche in questo caso, dalla limpidezza dell’acqua. Ulteriori sforzi per identificare fattori ambientali specifici legati al cambiamento climatico che riducono l’idoneità delle specie potrebbero aiutare a valutare la capacità di quest'ultime di adattarsi ai cambiamenti climatici e identificare le popolazioni incapaci di adattamento.

    strolaga in acqua

    I laghi come sentinelle del cambiamento climatico

    Purtroppo le brutte notizie non sono finite. Con l'aumento delle precipitazioni e delle temperature nell'Upper Midwest, si prevede una diminuzione della limpidezza dell'acqua anche in questa regione. Ciò si tramuterà presumibilmente in un calo di efficienza di foraggiamento nell’intera corporazione di predatori dei laghi d'acqua dolce. Inoltre, dato che la limpidezza dell’acqua determina la capacità della luce solare di penetrare in un lago, subiranno un forte impatto i modelli di temperatura, il tasso di fotosintesi, il ciclo dei nutrienti e la produzione primaria dei laghi, effetti dei quali risentirà l'intera comunità acquatica. Poiché la perdita di limpidezza dell’acqua è un modello diffuso nei laghi settentrionali, possiamo aspettarci un cambiamento sostanziale negli ecosistemi acquatici man mano che i cambiamenti climatici prendono piede.

    lago in montagna

    Anche l’eutrofizzazione modifica la trasparenza dell’acqua

    Gli ambienti lacustri possono essere alterati anche da un altro fenomeno: l’eutrofizzazione. Si tratta di un processo di arricchimento delle acque dolci con nutrienti, in particolare azoto e fosforo, riversati nelle acque dagli scarichi di fertilizzanti agricoli, rifiuti urbani e reflui industriali. Ciò determina la proliferazione esponenziale delle alghe e, di conseguenza, la riduzione della trasparenza dell'acqua. Questo causa la riduzione del passaggio della luce solare e mette a repentaglio la sopravvivenza delle altre specie vegetali e animali che vivono in quel determinato ambiente. Inoltre, quando le alghe muoiono, si avvia il processo di decomposizione che porta al consumo di ossigeno: riducendo la concentrazione di questo gas disciolto nell’acqua aumentano i fenomeni di anossia che portano alla morte della fauna acquatica. In sintesi, l'eutrofizzazione è pericolosa perché altera gli equilibri ecologici nei laghi, riduce la biodiversità e minaccia la qualità dell'acqua

    lago eutrofizzato

    Ulteriore impatto dei cambiamenti climatici sui laghi

    Le zone umide sono ecosistemi fondamentali in quanto garantiscono la sopravvivenza di moltissime specie e animali che utilizzano questi ambienti anche come zone di ristoro e nidificazione. A causa del cambiamento climatico sono aumentate vertiginosamente le temperature, situazione che sta mettendo a dura prova gli specchi d’acqua dolce determinando una rapida evaporazione delle acque. Uno studio, infatti, conferma che ogni anno dai laghi del globo evaporano in media 1.500 chilometri cubi d'acqua aumentando dal 1985 al 2018, con un tasso di circa 3 bilioni di litri/anno. Questi dati allarmanti richiamano l'urgenza di agire con determinazione per proteggere questi ecosistemi vitali prima che sia troppo tardi. È indispensabile un intervento tempestivo e coordinato da parte di tutti i settori interessati per preservare le zone umide e le loro preziose funzioni ecologiche.

    siccità

    Partecipazione pubblica nella conservazione lacustre

    Educare e coinvolgere attivamente la comunità nella conservazione e nel monitoraggio degli ecosistemi lacustri rappresenta una sfida importante. L'adozione di pratiche sostenibili e la partecipazione delle persone alla raccolta dati possono contribuire significativamente alla comprensione dei cambiamenti in corso e alla ricerca di soluzioni efficaci. In questo contesto, programmi dedicati e iniziative di sensibilizzazione possono svolgere un ruolo fondamentale nel coinvolgere il pubblico e nel promuovere azioni concrete per la salvaguardia dei laghi e dei loro abitanti. Questo non solo facilita la raccolta dati in modo più rapido ed efficiente grazie al coinvolgimento di un maggior numero di individui sul campo, ma permette anche ai partecipanti di riconoscere l'importanza di questi ambienti e della natura nel suo complesso, con la speranza che possano diffondere questa presa di consapevolezza.

    paesaggio

    3Bee: tecnologia per la biodiversità

    3Bee è la naturetech company che sviluppa tecnologie per il monitoraggio, la tutela e la rigenerazione della biodiversità. A partire dall’ape, fondamentale bioindicatore, 3Bee raccoglie e interpreta i dati ambientali attraverso sistemi proprietari innovativi per monitorare la salute degli impollinatori e la loro connessione con gli ecosistemi.
    - Vuoi scoprire come monitorare la biodiversità del tuo sito produttivo tramite la tecnologia? Vai all'innovativo protocollo di monitoraggio della biodiversità Element-E.
    - Vuoi conoscere le principali soluzioni e i programmi innovativi di formazione ESG per la tua azienda? Scopri il programma 3Bee Edu.
    - Vuoi saperne di più sulla creazione del più grande corridoio ecologico d'Europa per gli impollinatori? Vai alle Oasi della Biodiversità.

    media image
    24/04/2024Di Alessia Mircoli
    129 Visualizzazioni
    Altre news

    Potrebbe interessarti

    Newsletter
    newsletter
    Iscriviti alla newsletter "Gossip biodiverso"

    Domande Frequenti

    Hai dei dubbi o altre curiosità su questo articolo? Qui troverai spunti