Cosa Bisogna Fare A Gennaio In Apiario?

Possiamo considerare il mese di gennaio ancora un mese di calma per quanto riguarda i lavori in apiario. In linea di massima, in base alle zone, le api dovrebbero essere ancora chiuse in glomere e la regina non dovrebbe aver ripreso a deporre. Ecco cosa fare a gennaio in apiario
Cosa Bisogna Fare A Gennaio In Apiario?

PROTEGGIAMO LE API

Voli di purificazione

Sicuramente uno degli aspetti a cui più comunemente si fa attenzione sono le deiezioni. Sappiamo che le api, quando le condizioni climatiche lo permettono, escono dall’arnia anche d’inverno per compiere i loro “voli di purificazione”. Lo scopo di queste escursioni è di svuotare l’ampolla rettale ed evitare di imbrattare l’alveare. Escrementi di colore chiaro e circolari corrispondono a una famiglia in salute. Se, invece, ci si accorge che, ad esempio, il predellino di volo è cosparso di deiezioni scure, filiformi e maleodoranti allora potremmo trovarci in presenza di una famiglia affetta da qualche patologia come le nosemiasi. In tal caso un’ispezione mirata potrebbe rivelarsi necessaria.

Stato delle scorte

Questo è anche un periodo in cui bisogna prestare particolare attenzione allo stato delle scorte. Grazie all’utilizzo di strumentazioni come le bilance per la pesa degli alveari o affidandosi ai vecchi metodi manuali è bene capire se un alveare necessita di essere nutrito con un panetto di candito o meno. Questa sostanza solida che si presenta in forma di un panetto di colore bianco è posta generalmente sopra il buco del coprifavo. Se, tuttavia, le api non riuscissero ad accedervi per consumarlo, è pratica diffusa metterlo direttamente sui favi, in corrispondenza del glomere, rimettendo poi il coprifavo capovolto. In tal modo si facilita l’assunzione dell’alimento e si scongiura il pericolo che la famiglia muoia di fame. In queste settimane in cui le api non hanno ancora accesso alle fioriture, infatti, questa non è da considerarsi un’eventualità così remota.

Le prime fioriture e trattamenti

È possibile, invece, che un clima mite favorisca lo sboccio di alcune piante di grande interesse apistico, come il salice, il nocciolo, il calicantus, il corniolo e il nespolo del Giappone. Queste sono molto importanti per la ripresa della famiglia. Le prime due, in particolare, sono un’importante fonte di polline, necessario per la crescita della famiglia. In questo periodo, se il tempo lo permette, si può anche intervenire con trattamenti di acido ossalico sublimato o gocciolato. Questi mirano a ridurre il più possibile i numeri delle varroe presenti all’interno dell’alveare. Una presenza eccessiva di questi parassiti comporterebbe poi il loro sviluppo esponenziale in fase di crescita della famiglia, mettendone a repentaglio la sopravvivenza.

Mettersi in ascolto

Se, invece, il tempo è ancora rigido e le giornate non permettono alle api di fare i loro voli quotidiani, uno degli espedienti più usati dagli apicoltori per “capire” se la famiglia ha problemi o meno è avvicinarsi all’arnia e battere un colpo sul rivestimento di legno. Una famiglia in salute risponde con un leggero ronzio, mentre un suono più prolungato potrebbe essere sintomo di qualche problema come l’orfanità. Monitorarle constantemente è fondamentale per capirne lo stato di salute.

Il lavoro a casa

La parte più consistente del lavoro, tuttavia, viene svolta in magazzino e a casa. Questo è il momento giusto per capire quali sono le attrezzature da sostituire o da acquistare e per iniziare a preparare il materiale che servirà poi durante la stagione. Ad esempio, si può iniziare a preparare i telaini con fogli cerei da aggiungere o sostituire a quelli vecchi oppure si possono disinfettare le arnie e il materiale che si intende riutilizzare. Tutto pronto per la nuova stagione.

Utilizzo di strumenti di monitoraggio da remoto

Per poter seguire in maniera più pervasiva lo sviluppo della famiglia senza essere costretti ad aprire le casse è utilizzare dei sistemi di monitoraggio da remoto per alveari. I nostri sistemi permettono non solo di tenere sotto controllo l’andamento del peso, ma anche i parametri vitali interni come temperatura, umidità e suoni. Si può così capire se la famiglia sta consumando scorte o se ha ripreso a importare, se la regina è presente e sta deponendo o se si è verificato un problema. Puoi scoprire tutti i dettagli sui nostri prodotti consultando le pagine dedicate oppure venendo a trovarci direttamente ad Apimell!

Di Elena 3BeeJune 7th, 2022Condividi

Adotta un alveare

Alveare GioveLe Colonie, Lombardia
Re delle api
12.00 €9.60 €
Spedizione ott 2023
Alveare 74965Over Trees, Lombardia
Re delle api
12.00 €9.60 €
Spedizione ago 2023
Alveare GioveLe Colonie, Lombardia
Re delle api
34.99 €33.20 €
Spedizione ott 2023
Alveare PlutoneLe Colonie, Lombardia
Re delle api
69.99 €66.50 €
Spedizione ott 2023
Alveare 74965Over Trees, Lombardia
Re delle api
12.00 €9.60 €
Spedizione feb 2024
Alveare 74965Over Trees, Lombardia
Re delle api
12.00 €9.60 €
Spedizione dic 2023
Alveare PlutoneLe Colonie, Lombardia
Re delle api
24.99 €
Spedizione ott 2023
Alveare 74965Over Trees, Lombardia
Re delle api
12.00 €9.60 €
Spedizione feb 2024
Alveare 74965Over Trees, Lombardia
Re delle api
12.00 €9.60 €
Spedizione feb 2024
Alveare 74965Over Trees, Lombardia
Re delle api
12.00 €9.60 €
Spedizione --

Adotta un albero

PrugnoloGianni Schena, Veneto
FILIPPOTree name
9,90€
TamericeAssociazione REGEN Habitat, Puglia
GABRIELLATree name
9,90€
Acacia - RobiniaAzienda Agricola Giaquinto, Campania
LAURATree name
9,90€
PrugnoloAzienda Agricola La Pervinca, Toscana
ALESSANDROTree name
9,90€
Acero CampestreAssociazione REGEN Habitat, Puglia
GINEVRATree name
18,90€
EucaliptoAssociazione REGEN Habitat, Puglia
THOMASTree name
12,90€
AlloroAzienda Agricola Monte Avorio, Marche
LUCIANATree name
7,90€
PrugnoloSafonte Alessandro, Sicilia
ALESSIOTree name
9,90€
NoccioloAzienda Agricola Monte Avorio, Marche
TIZIANOTree name
7,90€
MarrucaAzienda Agricola La Pervinca, Toscana
ANNALISATree name
16,50€
Acero CampestreAssociazione REGEN Habitat, Puglia
LUCIATree name
18,90€
MarrucaApicoltura Tognoni, Toscana
CINZIATree name
16,50€
OrnoLuchetti Luigi, Lazio
VERONICATree name
9,90€
Ginestra dei CarbonaiAz. Agr.Attilia&Efro di Rita Paltrinieri, Emilia-Romagna
IVANATree name
19,90€
TamericeApicoltura Tognoni, Toscana
EMANUELETree name
9,90€
Acacia - RobiniaIL RICCIO, Marche
MAURIZIOTree name
9,90€
CornioloApicoltura Tognoni, Toscana
ROBERTATree name
10,90€
Spino di GiudaAletheiaEcologia, Emilia-Romagna
GUIDOTree name
19,90€
PrugnoloSafonte Alessandro, Sicilia
ROSSANATree name
9,90€
Acacia - RobiniaAzienda Agricola Giaquinto, Campania
FILOMENATree name
9,90€

Gli ultimi articoli

3Bee ImpolliniAMO

#ImpolliniAMO: a San Valentino 3Bee celebra l’amore

3Bee, climate tech company, da sempre impegnata nella protezione delle api racconta l’amore moderno al grido di #ImpolliniAMO. Le iniziative e i regali sostenibili di 3Bee diventano il simbolo del vero concetto di amore, un amore universalmente inteso verso il pianeta Terra.

Leggi l'articolo>
astronauta fiori

Comincia Sanremo: la Biodiversità da Blanco a Piero Pelù

È cominciato il Festival di Saremo 2023 e di conseguenza anche il FantaSanremo. In quanto Partner Sustainability di FantaSanremo non potevamo non commentare i momenti più salienti legati alla biodiversità, dai fiori di Blanco alla citazione di Piero Pelù.

Leggi l'articolo>
fiori

COUNTDOWN DI POCHISSIME ORE: PARTECIPA ALLA LEGA 3BEE

Mancano poche ore alla chiusura delle iscrizioni per il FantaSanremo e l'inizio effettivo del Festival. 3Bee è partner della sostenibilità, corri a scriverti alla Lega dei Fiori per proteggere e rigenerare la biodiversità

Leggi l'articolo>
Logo3Bee

Nuovo Logo 3Bee

Il nostro logo è diventato una sintesi dei 3 concetti in cui ci riconosciamo: innovazione, sostenibilità, educazione. Da oggi in poi 3Bee sarà rappresentata da 3 api colorate e sospese in volo, ognuna con il suo obiettivo di impatto da raggiungere.

Leggi l'articolo>
Greta Thunberg

Arresto di Greta Thunberg: carbone e impollinatori

In questo articolo analizzeremo i motivi che hanno portato all’arresto di Greta Thunberg, i danni causati dalle miniere di carbone agli impollinatori e la sua influenza nei confronti del movimento ambientalista.

Leggi l'articolo>
amazzonia

Foresta amazzonica: rigenerare per evitare il Tipping Point

In questo articolo analizzeremo i nuovi studi sullo stato della foresta amazzonica e sull'assorbimento di CO2, daremo uno sguardo ai comportamenti delle principali potenze e forniremo gli esempi 3Bee su come monitorare e rigenerare la biodiversità di un territorio fortemente in declino.

Leggi l'articolo>

PROTEGGIAMO LE API