Crediti di carbonio: cosa sono, vantaggi e criticità

    Come funziona il sistema dei crediti di carbonio? Scopri in questo articolo i crediti di riduzione e compensazione delle emissioni, quali sono i vantaggi e le criticità. Approfondisci con le Pillole dall'Oasi, la Digital Academy di 3Bee per i Professionisti della Sostenibilità.
    Crediti di carbonio: cosa sono, vantaggi e criticità

    PROTEGGIAMO LE API

    impatto crediti

    Dalla misurazione dell'impatto ai crediti

    Misurare gli impatti è il primo step fondamentale che ogni organizzazione deve compiere all’interno della propria strategia di sostenibilità. Misurare gli impatti permette infatti di comprendere quali sono le aree maggiormente responsabili di danni ambientali e di individuare azioni mirate per mitigare questi impatti. Esistono tuttavia degli impatti (un certo livello di emissioni, una certa quantità di biodiversità colpita o di acqua prelevata) che sono intrinseci alla natura del business, e per questo non possono essere annullati o ridotti ulteriormente. In questo contesto entrano in gioco i crediti: i più comuni sono i crediti di carbonio.

    crediti di carbonio mercati

    Crediti di carbonio e mercati

    Un credito di carbonio è un certificato negoziabile, equivalente ad una tonnellata di CO2 non emessa o assorbita grazie ad un progetto di tutela dell'ambiente realizzato con l'obiettivo di ridurre le emissioni globali di CO2 e altri gas ad effetto serra. I crediti di carbonio vengono scambiati all’interno di due tipologie di mercati: i mercati volontari e i mercati obbligatori. Il mercato volontario è un mercato in cui le organizzazioni e le persone possono volontariamente acquistare e vendere crediti di carbonio per compensare le proprie emissioni di gas serra. Questo mercato è separato dal mercato obbligatorio dei crediti di carbonio, che coinvolge l'adesione a un sistema di limitazione e scambio delle emissioni (ad esempio, il sistema europeo di scambio delle emissioni, ETS), in cui operano aziende di grandi dimensioni e appartenenti a settori particolarmente inquinanti, come acciaierie, impianti di cogenerazione, raffinerie, industrie chimiche.

    crediti di riduzione e compensazione

    Crediti di riduzione e compensazione delle emissioni

    Un'altra distinzione tra i crediti di carbonio è quella tra crediti di riduzione delle emissioni e crediti di compensazione delle emissioni. I Crediti di Riduzione delle Emissioni rappresentano una riduzione effettiva delle emissioni di gas serra rispetto a un'attività di riferimento perché sono generati da progetti che implementano azioni concrete per ridurre le emissioni, come i progetti di miglioramento dell'efficienza energetica. I Crediti di Compensazione delle Emissioni, anche noti come "offset", sono crediti che vengono acquistati per compensare le emissioni di gas serra non ridotte direttamente da un'organizzazione o da un'attività specifica. I CCE sono generati da progetti che assorbono o rimuovono anidride carbonica (CO2) dall'atmosfera o riducono le emissioni di altri gas serra in modo da bilanciare le emissioni prodotte altrove. Acquistando CCE le imprese possono compensare parte o tutte le proprie emissioni di gas serra, contribuendo all'equilibrio climatico.

    vantaggi crediti di carbonio

    I vantaggi dei crediti di carbonio

    I crediti di carbonio portano con sé vantaggi significativi in diversi ambiti. In termini di azione climatica, consentono alle imprese di compensare le emissioni di gas serra, fornendo un incentivo per la riduzione delle emissioni attraverso progetti sostenibili. La conservazione della biodiversità è un altro beneficio potenziale dei crediti di carbonio. I progetti che mirano alla protezione delle foreste o alla gestione sostenibile del territorio possono preservare habitat critici, specie animali e vegetali, e promuovere i servizi ecosistemici. I crediti di carbonio possono anche svolgere un ruolo nel finanziamento di progetti sostenibili. Attraverso la vendita di crediti di carbonio, i progetti di riduzione delle emissioni possono ricevere finanziamenti che supportano lo sviluppo di tecnologie pulite e pratiche a bassa emissione di carbonio. Questo contribuisce alla promozione di modelli di sviluppo sostenibile e al raggiungimento di obiettivi di sostenibilità a lungo termine.

    criticità crediti di carbonio

    Le criticità dei crediti di carbonio

    Tra le criticità associate all'uso dei crediti di carbonio troviamo il rischio di greenwashing: alcune imprese potrebbero utilizzare i crediti di carbonio come strumento di marketing senza un impegno reale nella riduzione delle emissioni. È quindi importante adottare standard uniformi e criteri rigorosi di certificazione per garantire la trasparenza. Ad oggi esistono diversi standard e iniziative di certificazione, il che rende difficile valutare la qualità e l'efficacia dei crediti di carbonio. Infine, la quantificazione dei benefici reali può essere complessa. Misurare con precisione le riduzioni effettive delle emissioni e gli impatti ambientali dei progetti di crediti di carbonio può essere una sfida e portare a un’errata quantificazione del beneficio effettivamente generato. Per affrontare queste criticità è necessario adottare standard uniformi, promuovere la trasparenza e l'istituzione di meccanismi di regolamentazione efficaci nel mercato dei crediti.

    Pillole dall’Oasi - La Digital Academy di 3Bee

    Cosa sono i crediti di carbonio? Quali sono i vantaggi e le criticità associati al loro utilizzo? Come funziona il mercato dei crediti? Per rispondere a queste domande, e non solo, abbiamo lanciato il progetto Pillole dall'Oasi: la Digital Academy di 3Bee per i Professionisti della Sostenibilità, realizzata in collaborazione con Neutralia e Italian Tech Academy. Un percorso composto da 12 moduli dedicati alla formazione su tematiche legate alla sostenibilità d'impresa, con il coinvolgimento di 23 esperti appartenenti al mondo della ricerca, dell'innovazione, del business e della finanza. Un'opportunità non solo formativa, ma di ingresso in una community esclusiva per ricevere aggiornamenti mensili sulle novità del mondo della sostenibilità. Vuoi rendere tangibile l'impegno verso la salvaguardia dell'ambiente e assicurare la migliore formazione ai tuoi collaboratori?

    Di Elena Fraccaro15 agosto 2023
    Visualizzazioni336Visualizzazioni
    Condividi

    Domande Frequenti

    Hai dei dubbi o altre curiosità su questo articolo? Qui troverai spunti

    In quali mercati vengono scambiati i crediti di carbonio?

    Un credito di carbonio è un certificato negoziabile, equivalente ad una tonnellata di CO2 non emessa o assorbita grazie ad un progetto di tutela dell'ambiente realizzato con l'obiettivo di ridurre le emissioni globali di CO2 e altri gas ad effetto serra. I crediti di carbonio vengono scambiati all’interno di due tipologie di mercati: i mercati volontari e i mercati obbligatori. Il mercato volontario è un mercato in cui le organizzazioni e le persone possono volontariamente acquistare e vendere crediti di carbonio per compensare le proprie emissioni di gas serra. Questo mercato è separato dal mercato obbligatorio dei crediti di carbonio, che coinvolge l'adesione a un sistema di limitazione e scambio delle emissioni (ad esempio, il sistema europeo di scambio delle emissioni, ETS), in cui operano aziende di grandi dimensioni e appartenenti a settori particolarmente inquinanti, come acciaierie, impianti di cogenerazione, raffinerie, industrie chimiche.

    Cosa sono i crediti di riduzione? E quelli di compensazione?

    Un'altra distinzione tra i crediti di carbonio è quella tra crediti di riduzione delle emissioni e crediti di compensazione delle emissioni. I Crediti di Riduzione delle Emissioni rappresentano una riduzione effettiva delle emissioni di gas serra rispetto a un'attività di riferimento perché sono generati da progetti che implementano azioni concrete per ridurre le emissioni, come i progetti di miglioramento dell'efficienza energetica. I Crediti di Compensazione delle Emissioni, anche noti come "offset", sono crediti che vengono acquistati per compensare le emissioni di gas serra non ridotte direttamente da un'organizzazione o da un'attività specifica. I CCE sono generati da progetti che assorbono o rimuovono anidride carbonica (CO2) dall'atmosfera o riducono le emissioni di altri gas serra in modo da bilanciare le emissioni prodotte altrove. Acquistando CCE le imprese possono compensare parte o tutte le proprie emissioni di gas serra, contribuendo all'equilibrio climatico.

    Quali sono i vantaggi dei crediti di carbonio?

    I crediti di carbonio portano con sé vantaggi significativi in diversi ambiti. In termini di azione climatica, consentono alle imprese di compensare le emissioni di gas serra, fornendo un incentivo per la riduzione delle emissioni attraverso progetti sostenibili. La conservazione della biodiversità è un altro beneficio potenziale dei crediti di carbonio. I progetti che mirano alla protezione delle foreste o alla gestione sostenibile del territorio possono preservare habitat critici, specie animali e vegetali, e promuovere i servizi ecosistemici. I crediti di carbonio possono anche svolgere un ruolo nel finanziamento di progetti sostenibili. Attraverso la vendita di crediti di carbonio, i progetti di riduzione delle emissioni possono ricevere finanziamenti che supportano lo sviluppo di tecnologie pulite e pratiche a bassa emissione di carbonio. Questo contribuisce alla promozione di modelli di sviluppo sostenibile e al raggiungimento di obiettivi di sostenibilità a lungo termine.

    Quali sono le criticità dei crediti di carbonio?

    Tra le criticità associate all'uso dei crediti di carbonio troviamo il rischio di greenwashing: alcune imprese potrebbero utilizzare i crediti di carbonio come strumento di marketing senza un impegno reale nella riduzione delle emissioni. È quindi importante adottare standard uniformi e criteri rigorosi di certificazione per garantire la trasparenza. Ad oggi esistono diversi standard e iniziative di certificazione, il che rende difficile valutare la qualità e l'efficacia dei crediti di carbonio. Infine, la quantificazione dei benefici reali può essere complessa. Misurare con precisione le riduzioni effettive delle emissioni e gli impatti ambientali dei progetti di crediti di carbonio può essere una sfida e portare a un’errata quantificazione del beneficio effettivamente generato. Per affrontare queste criticità è necessario adottare standard uniformi, promuovere la trasparenza e l'istituzione di meccanismi di regolamentazione efficaci nel mercato dei crediti.

    Gli ultimi articoli

    PROTEGGIAMO LE API