Il Controllo Della Sciamatura

    La sciamatura è un fenomeno naturale assolutamente positivo, è la forma di riproduzione del superorganismo alveare: da una famiglia se ne formano due e la specie si propaga. È periodo di sciamatura, che fare?
    Il Controllo Della Sciamatura

    PROTEGGIAMO LE API

    Perché è necessario il controllo della sciamatura?

    Però evitare che gli alveari sciamino è fondamentale per ottenere buone produzioni di miele, in particolare per quello che riguarda i mieli primaverili. Infatti se un alveare sciama il numero delle api che rimarranno saranno circa la metà e la maggior parte saranno api giovani, non ancora in grado di bottinare. Quindi si ha un calo drastico della forza lavoro della famiglia. Anche se si recupera lo sciame che è uscito questo avrà da costruire tutti i nuovi favi, con un grande dispendio di energia e di lavoro, e comunque anche due mezze famiglie producono sempre meno di una famiglia forte. Se poi non si riesce neppure a recuperare lo sciame che è uscito, la perdita è ancora più pesante. Per questi motivi, un efficiente controllo della sciamatura è indispensabile per l’apicoltore.

    Il controllo della sciamatura: tecniche e metodi

    Creare spazio - Come primo sistema di controllo della sciamatura si può cercare di ritardarla, dando spazio alle api. Si possono dare nuovi telai da costruire, fare bilanciamenti, mettere il melario, travasare gli sciami in arnie più grandi, fare sciami artificiali, ma con tutta probabilità le api vorranno lo stesso sciamare. E si capisce quando le api iniziano a costruire le celle reali. Allora bisogna intervenire o sciameranno. E’ certo. Togliere le celle reali - Un metodo un po’ laborioso ma estremamente efficace per evitare la sciamatura è quello di togliere tutte le celle celle reali prima che sfarfalli la nuova regina. Se fatto bene e con regolarità la sciamatura non avverrà e tutta la popolazione dell’alveare sarà disponibile per le produzioni. Ovviamente le api le ricostruiranno e noi dobbiamo toglierle nuovamente, fino a che non smetteranno di costruirle. Bisogna rimuovere tutte le celle reali presenti nell’alveare almeno una volta ogni 10 giorni.

    Ogni quanto si devono controllare le celle?

    Per essere sicuri di rimuoverle tutte bisogna controllare tutti i telaini con attenzione e senza api sopra e rimuoverle. Tutte, che siano opercolate o meno, grandi o piccole. E’ importante controllare ogni lato del telaino e anche i bordi. Per rimuovere le api basta scuotere delicatamente, ma con decisione, il telaio sopra l’arnia facendo ricadere le api dentro. E’ importante non scuotere il telaio fuori dall’arnia perché se ci fosse la regina, resterebbe fuori. Ovviamente inizieranno subito ad allevare nuove celle reali. Quindi l’operazione va ripetuta almeno ogni 10 giorni, ma meglio ogni 7. Il tempo di sviluppo di una regina da uovo ad adulto è di 16 giorni, ma le api possono allevare una regina partendo anche da una larvetta di operaia di 3 giorni. Tre giorni di larva più i 3 giorni che è durato l’uovo fanno 6 giorni, in questo caso quindi, se le api allevano una regina a partire da una larva di operaia di 3 giorni dopo 10 giorni nascerà la nuova regina e ci sarà la sciamatura.

    Un aiuto dai sistemi 3Bee

    Con i sistemi di monitoraggio per alveari 3Bee puoi tenere sempre sotto controllo lo stato del tuo alveare e il suo livello di produzione. Grazie ai sensori interni, non solo potrai monitorare il peso e la sua variazione, ma anche la temperatura interna, l’umidità e i suoni. Analizzando l’intensità sonora emessa dalle api, se ne può capire l’attività e, in alcuni casi, anche individuare possibili sciamature. Alti e anomali picchi di intensità sonora, infatti, preannunciano una prossima sciamatura, consentendoti di intervenire per tempo.

    Di Elena Fraccaro14 maggio 2020
    Visualizzazioni346Visualizzazioni
    Condividi

    Gli ultimi articoli

    PROTEGGIAMO LE API