Come aiutare le Api con le piante Nettarifere?

    Se ti stai chiedendo in quali modi puoi salvaguardare le api e gli impollinatori sei nel posto giusto! In questo articolo ti spieghiamo come puoi aiutare le api con le piante nettarifere, necessarie per la fornitura di nettare e polline.
    Come aiutare le Api con le piante Nettarifere?

    PROTEGGIAMO LE API

    Cos’è una pianta nettarifera?

    Una pianta si definisce nettarifera o mellifera se fornisce nettare alle api. Quest’ultime volando di fiore in fiore, sono indispensabili per l’attività d’impollinazione di moltissime piante. Come ricompensa quest’ultime forniscono agli impollinatori nettare e polline: la prima è una sostanza zuccherina di cui molti insetti sono ghiotti, essenziale per il sostentamento dell’insetto adulto, mentre il secondo è un’indispensabile fonte proteica necessaria per l’allevamento della stadio larvale. Il processo è molto semplice: le piante hanno bisogno di essere impollinate per crescere e riprodursi e per farlo reclutano un esercito di api e di altri insetti impollinatori, ricompensando il loro lavoro elargendo nettare e polline. Senza impollinazione ne risentirebbero la crescita, lo sviluppo e la riproduzione andando a minacciare la biodiversità dell’ambiente stesso.

    Come vengono attirate le api verso il nettare?

    Le api vedono il mondo in modo un po’ stravagante, infatti vedono i fiori in maniera completamente diversa da noi: i colori che riescono a distinguere sono il giallo, il verde bluastro, l’azzurro e l’ultravioletto, quest'ultimo lo vedono come un vero e proprio colore. Il colore rosso, invece, non lo vedono proprio, per questo motivo in Europa i fiori rossi sono abbastanza rari. Ancor più importanti dei colori sono i contrasti tra i colori di un fiore. Un po' come le lucine nelle piste di atterraggio indicano al pilota dove atterrare, così i contrasti e gli ultravioletti dei fiori indicano all'ape dove dirigersi per trovare il nettare. Infine, anche l’odore è un ottimo elemento per far orientare le api verso una pianta nettarifera. Sono quindi principalmente il colore, la forma e l'odore dei fiori a guidare le api verso il nettare.

    Distinguiamo le principali famiglie di piante

    Partiamo con la distinzione delle diverse famiglie e specie di piante. In natura esistono moltissime famiglie, tra queste quella delle leguminose o anche chiamate Fabacee, è riconoscibile grazie a foglie composte o dalla presenza del legume o bacello. Di questa famiglia fanno parte il carrubo, il tamarindo, l’acacia, la sulla, la mimosa e tantissime altre. Poi troviamo la famiglia delle Crucifere o Brassicaceae, chiamate così perché presentano 4 petali per ogni fiore e ricordano un po’ la forma di una croce. Tra questi si riconoscono soprattutto la colza, il ravizzone e molte tipologie di cavoli. Le Asteracee, conosciute anche come Composite che comprendono moltissime specie, tra cui la margherita, il girasole, la camomilla, il tarassaco, il cardo e molte altre. Esistono tantissime specie e famiglie di piante in natura, la cosa fondamentale è sapere individuarne alcune per poter essere d’aiuto alle api.

    Ma quali sono le più preziose per le api?

    Acacia (Robinia pseudoacacia): presenta fiori chiari che emanano un profumo molto gradevole, ottima pianta mellifera. Agrifoglio (Ilex aquifolium): si presenta come albero o arbusto con foglie rigide e seghettate. Alloro (Laurus nobilis): si presenta in forma di albero o arbusto con rami sottili e foglie di verde scuro. Ciliegio (Prunus avium): pianta di origine asiatica, fiorisce nel periodo di aprile e maggio e se ne ricava un ottimo miele di ciliegio. Melo selvatico (Malus sylvestris): pianta a forma di arbusto con una fioritura che avviene tra i primi di aprile e la metà di maggio. Paulownia (Paulownia tomentosa): si presenta con fiori di color bianco o lilla, fiorisce in tarda estate e attira una miriade di insetti. Salice bianco (Salix alba): chioma folta e tronco robusto, albero che cresce in tutta Italia. Albero di Giuda (Cercis siliquastrum): presenta un’abbondante fioritura dal colore rosa molto vivace. Nespolo (Eriobotrya japonica): piccolo albero sempre verde.

    Cosa puoi fare tu per le api?

    1- Piantare piante e fiori salva api nel tuo giardino per supportare l’attività d’impollinazione evitando o limitando al minimo l’utilizzo di agrofarmaci.
    2- Ospitare Polly e la sua casetta sostenibile, un’ape solitaria che renderà il tuo giardino uno spettacolo. Acquista su mypolly.it.
    3- Adottare o regalare un alveare, supportando la ricerca sulle api e aiutando gli apicoltori sostenibili. Il miele sarà un bel regalo
    4- Creare la tua Oasi della biodiversità: potrai poi condividerla con i tuoi amici e avere la tua Oasi della Biodiversità.

    Scopri le Oasi della Biodiversità

    Noi di 3Bee attraverso un nuovo progetto chiamato Oasi della Biodiversità vogliamo dare un ulteriore supporto all’ambiente, alle api e all’intero pianeta lato sostenibilità: Ci siamo dati l’obiettivo di attivare una piantumazione di 100.000 alberi autoctoni che ogni anno daranno scorte di nettare alle api e assorbiranno circa 10 mila tonnellate di CO2. Un progetto che prende il via con la collaborazione di apicoltori e agricoltori che scelgono di mettere a disposizioni terreni per la cura di questi alberi. Possiamo parlare di un progetto che ha come obiettivo una rinascita ambientale e culturale: piantare nuovi alberi significa creare nuove oasi della biodiversità. Ogni persona può adottare il proprio albero nettarifero.

    Di Elena Fraccaro26 ottobre 2021
    Visualizzazioni2115Visualizzazioni
    Condividi

    Gli ultimi articoli

    PROTEGGIAMO LE API