Adotta Un Alveare Nelle Marche
    approccio 3BeeMinacceApi MarcheApicoltori

    Adotta Un Alveare Nelle Marche

    L’Italia è un paese che vanta una variegatissima produzione di miele. Adottando un alveare 3Bee, è possibile non solo assaggiare la vasta offerta di mieli che il nostro Bel Paese ci offre, ma si può anche sostenere una realtà apistica locale e le sue api. Oggi scopriamo la dolcezza delle Marche!

    Leggi l'articolo
    17/06/2020Di Elena Fraccaro
    468 Visualizzazioni
    17/06/2020Di Elena Fraccaro
    468 Visualizzazioni

    L'approccio di 3Bee per la tutela della biodiversità

    3Bee è la Nature Tech company che sviluppa tecnologie per la tutela della biodiversità. 3Bee Hive-Tech è il primo sistema di 3Bee che consente di analizzare lo stato di salute e di “fame” delle api da miele, sentinelle ambientali per eccellenza. Nel tempo, abbiamo sviluppato altre tecnologie per studiare e monitorare tutti gli insetti impollinatori e creato oltre 200 Oasi della Biodiversità con migliaia di piante nettarifere per garantire loro nutrimento. Vogliamo così creare un circolo virtuoso: i nostri apicoltori si trasformano per esigenza in coltivatori di Oasi e promotori della biodiversità ambientale. Non incentiviamo la produzione massiva e gli allevamenti densi, che hanno un impatto negativo sulla biodiversità e sugli impollinatori. Riconosciamo però il valore del miele come simbolo prezioso della biodiversità di un ambiente e uno strumento di divulgazione dell'impegno e tutela di un'area, da consumare con parsimonia e rispetto per il ciclo di vita di questi insetti.

    3Bee Hive-Tech

    I problemi degli impollinatori

    Le api, e gli impollinatori in generale, non stanno però passando un bel periodo. Pesticidi, malattie, parassiti, impoverimento degli habitat e cambiamenti climatici stanno rappresentando dei sempre maggiori pericoli che stanno mettendo a rischio il loro benessere e la loro sopravvivenza. Attualmente, sono gli apicoltori che si occupano di garantire la salute degli alveari in un mondo in cui questo diventa sempre più difficile. Sostenere le realtà apistiche italiane, che si preoccupano del benessere delle loro api, diventa quindi importantissimo.

    media image
    3Bee

    Adotta un alveare nelle Marche

    Nelle Marche, si contano attualmente più di 2800 apicoltori, tra professionisti e hobbysti che producono miele per il proprio autoconsumo, per un totale di oltre 70.000 alveari. In questa regione, la diffusione dell’apicoltura è capillare e molte delle aziende hanno una lunga tradizione che si tramanda da padre in figlio. Potremmo definire l’apicoltura marchigiana un’apicoltura a corto raggio. Generalmente, infatti, non si pratica nomadismo sulle lunghe distanze. Questo significa che gli alveari vengono sì spostati alla ricerca delle fioriture magari più preziose e mirate, ma non vengono mai portati troppo lontani dalla loro postazione usuale. Tra i mieli più prodotti, ricordiamo una vasta varietà di millefiori, ognuno diverso in base al luogo di produzione, girasole, acacia, tarassaco e castagno.

    media image

    Gli apicoltori marchigiani

    Anche gli apicoltori marchigiani fanno parte del network di Adotta un alveare. Scegliendo uno degli alveari disponibili, potrai gustare dell’ottimo miele e monitorare a distanza l’alveare. Diego Bucci. L’uomo con le api: Le api di Diego hanno la fortuna di essere vicino al mare, nella provincia di Pesaro. Nella sua “oasi” lontana dalla frenesia moderna, Diego e le sue api producono il loro miele millefiori. Riccardo. Il Riccio: Riccardo, dell’Azienda Agricola Il Riccio, rappresenta una realtà genuina del territorio marchigiano. Lì, nel rispetto della natura, le sue api producono miele di millefiori, tiglio, castagno e acacia. Matteo. Apicoltura Apiteo: I suoi primi alveari erano di un anziano apicoltore che stava terminando la sua attività. Matteo ha anche fatto tesoro della sua esperienza, raccogliendo i consigli di più di 60 anni di esperienza.

    media image
    17/06/2020Di Elena Fraccaro
    468 Visualizzazioni
    Altre news

    Potrebbe interessarti

    Newsletter
    newsletter
    Iscriviti alla newsletter "Gossip biodiverso"