Hive-Tech, il sistema di monitoraggio per arnie firmato 3Bee
    IspezioneValutazioneCome fareApp

    Hive-Tech, il sistema di monitoraggio per arnie firmato 3Bee

    Tenere sempre monitorati i propri alveari è uno dei compiti principali dell’apicoltore. Non sempre questo è facile, perciò 3Bee ha sviluppato un innovativo sistema di monitoraggio per arnie in grado di aiutare sia gli apicoltori sia le api. Scopri Hive-Tech!

    Leggi l'articolo
    19/02/2018Di Elena Fraccaro
    624 Visualizzazioni
    19/02/2018Di Elena Fraccaro
    624 Visualizzazioni

    Perché ispezionare l’arnia

    Per poter conoscere lo stato di salute delle famiglie, l’apicoltore deve periodicamente ispezionare le arnie e controllarle accuratamente una ad una. Il procedimento è lo stesso, sia d’inverno sia d’estate. Quello che può cambiare sono le differenti condizioni climatiche e la fase di sviluppo dello sciame. In ogni caso, l’apicoltore deve accertarsi che le api stiano bene, ancor prima di procedere all’ispezione in apiario. Per poter ottimizzare una visita, bisogna operare in assenza di vento, durante giornate soleggiate e, preferibilmente, quando le bottinatrici sono fuori. Queste visite, comunque, non devono essere troppo frequenti, perché ognuna di esse rappresenta un trauma per l’intera famiglia. Tuttavia, ciò è subordinato alle svariate tecniche impiegate per il controllo dell’infestazione di varroa.

    media image

    Ispezionare per valutare

    L’apicoltore deve valutare molti parametri, il più velocemente e accuratamente possibile, per capire se lo sciame sia in salute o meno. Sicuramente la presenza di parassiti incide significativamente, così come le malattie in generale. Poi si cerca l’ape regina: è presente oppure la famiglia è orfana? Inoltre, bisogna accertarsi che stia deponendo le uova. Il blocco di covata è normale in certi momenti dell’anno, ma una regina che non depone è sintomo di debolezza e instabilità. Soprattutto in periodo di sciamatura, invece, è importante controllare se le api stanno costruendo o meno celle reali. Contemporaneamente, analizzando i singoli melari del nido, si deve verificare se c’è covata e se questa è abbondante o scarsa. Grazie all’ispezione visiva, si può stimare la forza della famiglia e la presenza di malattie, ma anche la quantità di scorte e, quindi, decidere se si deve intervenire fornendo del nutrimento extra alle api.

    media image
    3Bee

    La buone pratiche per una corretta ispezione

    Sostanzialmente, ispezionare il proprio apiario non è un lavoro facile: richiede del tempo ed è vincolato a particolari condizioni climatiche e di sviluppo della famiglia. L’apicoltore non può andare a controllare le proprie api quando vuole, né tanto meno ogni quanto vuole. Come abbiamo visto, aprire il nido non giova molto alle api e, per arrecare meno danno possibile, l’intera procedura deve essere fatta in primavera e autunno nelle ore più calde della giornata, indicativamente dalle 11 alle 16, mentre d’estate nelle ore più fresche della mattina o della sera e sempre preferibilmente in assenza di vento e con una certa rapidità.

    I controlli mirati sono possibili?

    Sarebbe davvero utile poter controllare lo stato di salute delle proprie api senza dover continuamente andare a disturbarle, rischiando di arrecare più danni che giovamenti. Avere la possibilità di condurre ispezioni mirate sarebbe meglio per loro, ma anche per l’apicoltore, che risparmierebbe molto tempo, soprattutto se gli apiari sono dislocati molto lontani gli uni dagli altri. Qui viene in aiuto la tecnologia sviluppata da 3Bee, i cui sistemi di monitoraggio permettono all'apicoltore di avere sempre sotto i parametri biologici del proprio alveare. Eh sì, letteralmente sotto mano, in quanto può controllare tutto quanto comodamente dalla propria app sul telefono!

    media image
    3Bee

    il sistema di monitoraggio per arnie

    Il sistema di monitoraggio 3Bee è composto da una bilancia completa e da sensori che devono essere installati direttamente all’interno dell’arnia. Grazie ai sensori elettronici, vengono raccolti dati relativi a peso, temperatura, umidità e suono. Interpretando correttamente dati e grafici, è possibile ricavare un’indicazione complessiva circa lo stato di salute dello sciame, evidenziando alcuni dei problemi più comuni che insorgono naturalmente o non. Grazie ad Hive-Tech, l’apicoltore potrà vedere su PC o APP i paramenti legati all’andamento di covata, alla presenza o meno della regina, ad eventuali malattie, alla preparazione per la sciamatura, alla produzione e molto altro.

    media image

    3Bee Hive-Tech ad APIMELL

    3Bee presenterà il sistema di monitoraggio per arnie Hive-Tech ad Apimell, la più importante fiera apistica in Italia, che si terrà i prossimi 1,2,3 e 4 marzo a Piacenza. Vieni a scoprire il nostro prodotto: avrai la possibilità di godere degli sconti pensati apposta per i partecipanti. Se invece vuoi scoprire subito di cosa si tratta, visita il nostro sito nella pagina dedicata e iscriviti alla nostra newsletter per tenerti sempre aggiornato!

    19/02/2018Di Elena Fraccaro
    624 Visualizzazioni
    Altre news

    Potrebbe interessarti

    Newsletter
    newsletter
    Iscriviti alla newsletter "Gossip biodiverso"