Gruppo Animalia per la tutela della biodiversità

    Gruppo Animalia entra a far parte del progetto di studio sugli insetti impollinatori di 3Bee con l'inaugurazione della prima Oasi della Biodiversità, costituita da 200 alberi nettariferi dislocati in tre regioni italiane. L'intervista a Silvia Siviero, Marketing & Customer Experience Manager.
    Gruppo Animalia per la tutela della biodiversità

    PROTEGGIAMO LE API

    pet

    Il punto di riferimento per la cura e il benessere dei pet

    Gruppo Animalia nasce in Italia nel 2019 con l’obiettivo di integrare in un unico gruppo, strutture veterinarie di eccellenza e di far evolvere il settore veterinario. “Siamo un gruppo in cui tutti i veterinari condividono la stessa passione per la cura e il benessere degli animali e lo stesso desiderio di migliorarsi ogni giorno, offrendo un servizio di qualità ai pet e alle loro famiglie. - afferma Silvia Siviero, Marketing & Customer Experience Manager di Gruppo Animalia - “Favoriamo la collaborazione tra i professionisti del Gruppo attraverso percorsi condivisi di crescita, investimento e ricerca. Siamo presenti in quasi tutto il territorio italiano con cliniche, centri diagnostici e ambulatoriali, contando ad oggi più di 40 strutture e oltre 600 veterinari.”

    pet impatto

    Settore del pet e impatto ambientale

    L’impatto che Gruppo Animalia vuole iniziare a generare è legato al settore veterinario. Considerando il momento di grande cambiamento che sta caratterizzando l’Italia, l’obiettivo del Gruppo è di essere protagonisti dell’evoluzione della veterinaria nel nostro paese, al fine di sostenere e fornire un servizio specialistico sempre più di qualità all’interno delle strutture. Il settore del pet ha un impatto non trascurabile sull’ambiente. Guardando ai numeri – 90 milioni di famiglie in Europa hanno un pet e il 33% della popolazione mondiale ne possiede almeno uno - la questione diventa urgente, sia lato aziende per trovare soluzioni più sostenibili, sia lato proprietari su temi di sensibilizzazione, educazione e consapevolezza sulla problematica. Sicuramente esistono già molti progetti che vanno in questa direzione, sarà importante lavorare a livello sistemico per riuscire a generare un impatto positivo su piani diversi e coinvolgendo tutti gli attori.

    interazione uomo animale domestico

    Gli aspetti positivi dell’interazione uomo-animale domestico

    Tuttavia, è importante considerare gli aspetti positivi dell'interazione uomo-animale domestico, come il supporto emotivo e sociale che i pet possono fornire ai loro proprietari. Il concetto di pet parenting è cambiato molto, soprattutto negli ultimi 4 anni. La pandemia da Covid-19 è stata un evento improvviso e drammatico che ha cambiato radicalmente le nostre vite. Le relazioni sociali hanno subito un duro colpo e molti hanno dovuto affrontare un senso di vuoto da colmare. In questo contesto critico, gli animali da compagnia hanno svolto un ruolo fondamentale nel mitigare le sofferenze di molte persone, rendendo l'isolamento meno difficile da sopportare. Proprio durante i mesi di picco della pandemia infatti, c'è stato un notevole aumento delle adozioni di cani e gatti. Questo fenomeno si è inserito in una tendenza già in atto da tempo, accelerandola e consolidandola: quella di considerare gli animali da compagnia come membri effettivi della famiglia.

    farfalla

    L’Oasi della Biodiversità di Gruppo Animalia

    L’Oasi Animalia, creata grazie alla partnership con 3Bee, ha l'obiettivo di favorire la conservazione della biodiversità locale. Grazie ai 200 alberi nettariferi messi a dimora in Lombardia, nelle Marche e in Toscana, verranno prodotti circa 115 kg di nettare, garantendo così nutrimento a oltre 20.000 impollinatori, responsabili di circa il 75% delle colture mondiali e preziosi custodi della biodiversità. Per perseguire al meglio la missione di far evolvere il settore veterinario e occuparsi del benessere degli animali, Gruppo Animalia ritiene opportuno ampliare il suo sguardo anche a preservare il pianeta che li accoglie. L’obiettivo di Gruppo Animalia è di far crescere l’Oasi anche con il contributo di tutte le persone che scelgono le loro strutture, al fine di rafforzare l’alleanza con i proprietari dei pet, coinvolgendoli direttamente nel progetto.

    ape fiore

    L’impegno di Gruppo Animalia per la biodiversità

    “Sarebbe bello pensare che chi decide di accogliere un pet in famiglia, possiede già una certa sensibilità nei confronti della sostenibilità e dell’ambiente.È quindi un’opportunità promuovere comportamenti e scelte sostenibili, dal momento che la relazione con il pet può diventare una spinta per sviluppare maggior consapevolezza, anche per quanto riguarda il sostentamento e il benessere dell’animale domestico stesso.” Il progetto con 3Bee rappresenta per Gruppo Animalia il primo step di un percorso verso la biodiversità che, secondo Silvia Siviero, Marketing & Customer Experience Manager del Gruppo, ha un forte potenziale di crescita e continuità e simboleggia un “dono” per tutti i collaboratori del Gruppo, ma anche un gesto e una scelta concreti nei confronti dell’ambiente e del territorio.

    Di 21 marzo 2024
    Visualizzazioni29Visualizzazioni
    Condividi

    Domande Frequenti

    Hai dei dubbi o altre curiosità su questo articolo? Qui troverai spunti

    Qual è l'obiettivo di Gruppo Animalia?

    L’impatto che Gruppo Animalia vuole iniziare a generare è legato al settore veterinario. Considerando il momento di grande cambiamento che sta caratterizzando l’Italia, l’obiettivo del Gruppo è di essere protagonisti dell’evoluzione della veterinaria nel nostro paese, al fine di sostenere e fornire un servizio specialistico sempre più di qualità all’interno delle strutture. Il settore del pet ha un impatto non trascurabile sull’ambiente,. Guardando ai numeri – 90 milioni di famiglie in Europa hanno un pet e il 33% della popolazione mondiale ne possiede almeno uno - la questione diventa urgente, sia lato aziende per trovare soluzioni più sostenibili, sia lato proprietari su temi di sensibilizzazione, educazione e consapevolezza sulla problematica. Sicuramente esistono già molti progetti che vanno in questa direzione, sarà importante lavorare a livello sistemico per riuscire a generare un impatto positivo su piani diversi e coinvolgendo tutti gli attori.

    Quali sono gli aspetti positivi del rapporto con i pet?

    È importante considerare gli aspetti positivi dell'interazione uomo-animale domestico, come il supporto emotivo e sociale che i pet possono fornire ai loro proprietari. Il concetto di pet parenting è cambiato molto, soprattutto negli ultimi 4 anni. La pandemia da Covid-19 è stata un evento improvviso e drammatico che ha cambiato radicalmente le nostre vite. Le relazioni sociali hanno subito un duro colpo e molti hanno dovuto affrontare un senso di vuoto da colmare. In questo contesto critico, gli animali da compagnia hanno svolto un ruolo fondamentale nel mitigare le sofferenze di molte persone, rendendo l'isolamento meno difficile da sopportare. Proprio durante i mesi di picco della pandemia infatti, c'è stato un notevole aumento delle adozioni di cani e gatti. Questo fenomeno si è inserito in una tendenza già in atto da tempo, accelerandola e consolidandola: quella di considerare gli animali da compagnia come membri effettivi della famiglia.

    Qual è l'obiettivo dell'Oasi Animalia creata insieme a 3Bee?

    L’Oasi Animalia, creata grazie alla partnership con 3Bee, ha l'obiettivo di favorire la conservazione della biodiversità locale. Grazie ai 200 alberi nettariferi messi a dimora in Lombardia, nelle Marche e in Toscana, verranno prodotti circa 115 kg di nettare, garantendo così nutrimento a oltre 20.000 impollinatori, responsabili di circa il 75% delle colture mondiali e preziosi custodi della biodiversità. Per perseguire al meglio la missione di far evolvere il settore veterinario e occuparsi del benessere degli animali, Gruppo Animalia ritiene opportuno ampliare il suo sguardo anche a preservare il pianeta che li accoglie. L’obiettivo di Gruppo Animalia è di far crescere l’Oasi anche con il contributo di tutte le persone che scelgono le loro strutture, al fine di rafforzare l’alleanza con i proprietari dei pet, coinvolgendoli direttamente nel progetto.

    Gli ultimi articoli

    PROTEGGIAMO LE API