Finanza sostenibile e informativa sulla sostenibilità

    I prodotti di finanza sostenibile sono soggetti a nuove proposte per la regolamentazione degli standard. Le tre autorità di vigilanza europee (EBA, EIOPA ed ESMA - ESA) hanno pubblicato il Rapporto finale che modifica la bozza di norme tecniche di regolamentazione (Regulatory Technical Standards).
    Finanza sostenibile e informativa sulla sostenibilità

    PROTEGGIAMO LE API

    Regulatory Technical Standards e indicatori PAI

    Regulatory Technical Standards e indicatori PAI

    Il Regulatory Technical Standards risponde al mandato inviato dalla Commissione europea nell'aprile 20221 di rivedere diversi aspetti del funzionamento del Regolamento delegato (UE) 2022/1288 della Commissione (Regolamento delegato SFDR), tra cui la comunicazione dei principali impatti negativi (PAI) delle decisioni di investimento sui fattori di sostenibilità e di introdurre la divulgazione degli obiettivi di decarbonizzazione dei prodotti finanziari. Attualmente, gli indicatori PAI (Potenziali Impatti Ambientali) obbligatori includono l'esposizione ad aziende attive nella coltivazione e produzione di tabacco, dipendenti che guadagnano meno di un salario adeguato e gli investimenti in aziende coinvolte in violazioni delle Linee guida dell'OCSE relative alle imprese multinazionali e al divario retributivo di genere

    Nuove regole dell’informativa sulla sostenibilità

    Nuove regole dell’informativa sulla sostenibilità

    Le tre autorità di vigilanza europee (EBA, EIOPA ed ESMA - ESA) hanno pubblicato il Regulatory Technical Standards, completando così la regolamentazione relativa alla divulgazione dei prodotti finanziari sostenibili (Sustainable Finance Disclosure Regulation). La pubblicazione del rapporto è stata effettuata in risposta alla richiesta avanzata dalla Commissione Europea alle ESA nell'aprile 2022. Inizialmente, la pubblicazione era prevista sei mesi dopo, ma è stata posticipata a seguito di una richiesta formulata dalle autorità a novembre 2022. Tra le proposte formulate dalle autorità, vi è l'aggiunta di nuovi indicatori sociali e la semplificazione del quadro per la divulgazione degli "impatti negativi" delle decisioni di investimento sull'ambiente e sulla società (ESG).

    Nuova informativa sui prodotti finanziari

    Nuova informativa sui prodotti finanziari

    Le autorità europee hanno inoltre suggerito una nuova informativa sui prodotti finanziari collegati agli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra e la carbon footprint. Questa informativa dovrebbe essere applicata ai prodotti che hanno come obiettivo di investimento la riduzione delle emissioni. I requisiti per questa categoria di prodotti includerebbero la divulgazione del risultato che il prodotto si impegna a raggiungere nei documenti precontrattuali e l'allineamento all'obiettivo ultimo di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius, nonché la divulgazione di rapporti periodici per illustrare i progressi nella strategia di investimento e fornire informazioni più dettagliate sul sito web.

    Indicatori PAI ai fini del principio DNSH

    Indicatori PAI ai fini del principio DNSH

    Nell'immediato contesto di questa relazione finale, le autorità di vigilanza europee notano che la consultazione prevede un'informativa leggermente più specifica su come i prodotti finanziari "tengono conto" degli indicatori PAI ai fini del principio DNSH per gli investimenti sostenibili. Il progetto di RTS includerà l'obbligo di divulgare le soglie o i criteri per gli indicatori PAI che il prodotto finanziario utilizza per determinare che i suoi investimenti sostenibili sono conformi al principio DNSH.

    Come limitare il rischio di greenwashing?

    Come limitare il rischio di greenwashing?

    Il rapporto Regulatory Technical Standards evidenza (alla question 21) che per ridurre il rischio di greenwashing e aumentare la comparabilità, nel contesto del DNSH, la divulgazione delle soglie quantitative utilizzate è una condizione necessaria ma non sufficiente. La rilevanza degli indicatori PAI ai fini del DNSH può variare a seconda dei prodotti finanziari. Dovrebbe esserci trasparenza sulla selezione e la definizione delle priorità degli indicatori PAI. Da qui la rilevanza dell'articolo 7 del Regolamento delegato della Commissione n. 2022/1288 sulla "Descrizione delle politiche per identificare e dare priorità ai principali impatti negativi sulle decisioni di investimento in base ai fattori di sostenibilità".

    Modifica del regolamento SFDR

    Modifica del regolamento SFDR

    Le autorità hanno anche proposto ulteriori modifiche tecniche al Regolamento SFDR, tra cui il miglioramento dell'informativa su come gli investimenti sostenibili non provocano danni significativi all'ambiente e alla società, la semplificazione dei modelli di informativa precontrattuale e periodica dei prodotti finanziari, e adeguamenti tecnici riguardanti, ad esempio, il trattamento dei derivati, il calcolo degli investimenti sostenibili e le disposizioni per i prodotti finanziari con opzioni di investimento sottostanti.

    Feedback degli stakeholder

    Feedback degli stakeholder

    Per quanto riguarda la semplificazione dei modelli di informativa sui prodotti finanziari, le autorità di vigilanza, basandosi sul feedback degli stakeholder e sul lavoro di supervisione, hanno apportato miglioramenti. In particolare, il linguaggio è stato semplificato, le informazioni fornite sono state ristrutturate per evitare ripetizioni e è stata introdotta una "dashboard" dedicata che fornisce le informazioni chiave nella prima pagina dei documenti, insieme a informazioni più dettagliate nelle pagine successive. La dashboard evidenzia se un prodotto finanziario ha un obiettivo di investimento sostenibile o promuove caratteristiche ambientali/sociali. Attraverso la promozione di un'azienda che tiene conto degli stakeholder e di tutte le parti interessate, si possono ottenere vantaggi significativi nel mercato, come maggiore consenso, stabilità e sicurezza per il futuro. 3Bee sostiene le imprese nel percorso verso la biodiversità attraverso progetti innovativi di rigenerazione.

    Ulteriore proposte di revisione del regolamento SFDR

    Ulteriore proposte di revisione del regolamento SFDR

    Le autorità di regolamentazione hanno avanzato ulteriori proposte di revisione del regolamento SFDR, volte a migliorare l'informativa riguardante gli investimenti sostenibili al fine di evitare danni significativi all'ambiente e alla società (Do Not Significant Harm - DNSH). Inoltre, si mira a semplificare i modelli per l'informativa precontrattuale e periodica dei prodotti finanziari, nonché a effettuare adeguamenti tecnici riguardanti il trattamento dei derivati, il calcolo degli investimenti sostenibili e le disposizioni per i prodotti finanziari con opzioni di investimento sottostanti. La Commissione Europea avrà tre mesi di tempo per esaminare la bozza di RTS e decidere se approvarla. L'applicazione potenziale delle nuove RTS sarebbe indipendente da una revisione della SFDR da parte della Commissione Europea, che è stata annunciata a settembre 2023 ed è attualmente in corso.

    Articolo a cura di Angelina Tortora

    Di Elena Fraccaro15 gennaio 2024
    Visualizzazioni35Visualizzazioni
    Condividi

    Domande Frequenti

    Hai dei dubbi o altre curiosità su questo articolo? Qui troverai spunti

    Quali sono le regole dell’informativa sulla sostenibilità?

    Le tre autorità di vigilanza europee (EBA, EIOPA ed ESMA - ESA) hanno pubblicato il Regulatory Technical Standards, completando così la regolamentazione relativa alla divulgazione dei prodotti finanziari sostenibili (Sustainable Finance Disclosure Regulation). La pubblicazione del rapporto è stata effettuata in risposta alla richiesta avanzata dalla Commissione Europea alle ESA nell'aprile 2022. Inizialmente, la pubblicazione era prevista sei mesi dopo, ma è stata posticipata a seguito di una richiesta formulata dalle autorità a novembre 2022. Tra le proposte formulate dalle autorità, vi è l'aggiunta di nuovi indicatori sociali e la semplificazione del quadro per la divulgazione degli "impatti negativi" delle decisioni di investimento sull'ambiente e sulla società (ESG).

    Cosa prevede la nuova informativa sui prodotti finanziari?

    Le autorità europee hanno inoltre suggerito una nuova informativa sui prodotti finanziari collegati agli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra e la carbon footprint. Questa informativa dovrebbe essere applicata ai prodotti che hanno come obiettivo di investimento la riduzione delle emissioni. I requisiti per questa categoria di prodotti includerebbero la divulgazione del risultato che il prodotto si impegna a raggiungere nei documenti precontrattuali e l'allineamento all'obiettivo ultimo di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius, nonché la divulgazione di rapporti periodici per illustrare i progressi nella strategia di investimento e fornire informazioni più dettagliate sul sito web.

    Come si può limitare il rischio di greenwashing?

    Il rapporto Regulatory Technical Standards evidenza (alla question 21) che per ridurre il rischio di greenwashing e aumentare la comparabilità, nel contesto del DNSH, la divulgazione delle soglie quantitative utilizzate è una condizione necessaria ma non sufficiente. La rilevanza degli indicatori PAI ai fini del DNSH può variare a seconda dei prodotti finanziari. Dovrebbe esserci trasparenza sulla selezione e la definizione delle priorità degli indicatori PAI. Da qui la rilevanza dell'articolo 7 del Regolamento delegato della Commissione n. 2022/1288 sulla "Descrizione delle politiche per identificare e dare priorità ai principali impatti negativi sulle decisioni di investimento in base ai fattori di sostenibilità".

    Che rilevanza hanno i feedback degli stakeholder?

    Per quanto riguarda la semplificazione dei modelli di informativa sui prodotti finanziari, le autorità di vigilanza, basandosi sul feedback degli stakeholder e sul lavoro di supervisione, hanno apportato miglioramenti. In particolare, il linguaggio è stato semplificato, le informazioni fornite sono state ristrutturate per evitare ripetizioni e è stata introdotta una "dashboard" dedicata che fornisce le informazioni chiave nella prima pagina dei documenti, insieme a informazioni più dettagliate nelle pagine successive. La dashboard evidenzia se un prodotto finanziario ha un obiettivo di investimento sostenibile o promuove caratteristiche ambientali/sociali. Attraverso la promozione di un'azienda che tiene conto degli stakeholder e di tutte le parti interessate, si possono ottenere vantaggi significativi nel mercato, come maggiore consenso, stabilità e sicurezza per il futuro.

    Gli ultimi articoli

    PROTEGGIAMO LE API