Comuni di Padova e Rovigo: il Bando GreenUp! per l'ambiente

    3 milioni di euro messi a disposizione da Fondazione Cariparo per sostenere progetti di rigenerazione finalizzati alla mitigazione degli effetti del cambiamento climatico nei Comuni delle province di Padova e Rovigo. Scopri in questo articolo come partecipare.
    Comuni di Padova e Rovigo: il Bando GreenUp! per l'ambiente

    PROTEGGIAMO LE API

    freccia green

    Fondazione Cariparo lancia il bando GreenUp!

    La Fondazione Cariparo annuncia il bando GreenUp!, un'opportunità imperdibile per i Comuni e le Unioni di Comuni delle province di Padova e Rovigo. Con un investimento di 3 milioni di euro, il bando si propone di finanziare progetti mirati alla mitigazione degli effetti del cambiamento climatico, promuovendo allo stesso tempo attività di sensibilizzazione correlate presso le comunità di riferimento. Questo sforzo non solo mira a combattere le sfide ambientali ma intende anche promuovere la consapevolezza sulla sostenibilità ambientale. Un'iniziativa che favorisce la collaborazione tra enti pubblici e privati, dimostrando un forte impegno verso un futuro più verde e sostenibile.

    pianta terreno

    Requisiti del bando, procedura di candidatura e tempistiche

    Il bando GreenUp! è riservato ai Comuni o Unioni di Comuni di Padova e Rovigo, con la restrizione che ciascun ente possa presentare un solo progetto. I progetti devono rientrare nelle province di Padova e Rovigo e soddisfare uno dei seguenti obiettivi: salvaguardia degli ecosistemi, miglioramento della qualità dell'ambiente urbano e promozione della mobilità sostenibile. In aggiunta, ogni progetto deve includere iniziative di sensibilizzazione sull'importanza della tutela ambientale. La Fondazione offre un contributo massimo di 100.000 euro, coprendo fino al 70% del costo totale del progetto. Per partecipare, gli enti dovranno completare l'iscrizione online entro il 12 gennaio 2024. Gli esiti della prima fase saranno annunciati entro il 15 marzo 2024, e i progetti selezionati procederanno alla seconda fase. Anche in questa fase, la candidatura dovrà avvenire online, con ulteriori dettagli forniti dopo la pubblicazione dei risultati della prima fase.

    rotonda arida

    L’importanza dei progetti di rigenerazione nelle aree urbane

    La perdita di biodiversità è una delle emergenze più urgenti da affrontare oggi: secondo l’ISPRA, una percentuale significativa di insetti impollinatori - domestici e selvatici - sono a rischio estinzione, una situazione aggravata dal riscaldamento globale. Per contrastare la perdita di biodiversità nelle aree urbane abbiamo bisogno di un piano di biodiversità mirato, scientifico e oculato: solo in questo modo possiamo diventare resilienti alle forme più avverse del clima che subiremo nei prossimi anni e favorire il ritorno della natura nelle nostre città. In questo contesto si inserisce 3Bee, la climate tech company che sviluppa tecnologie per la tutela della biodiversità. Con il progetto Oasi della Biodiversità, 3Bee mira a creare habitat urbani e agroforestali in zone a bassa biodiversità, con l’obiettivo di rigenerarla. All'interno delle Oasi, tecnologia e natura si fondono per compiere un primo passo verso la resilienza climatica.

    Oasi urbana

    Rigenerare la biodiversità nelle aree urbane con 3Bee

    Rotonde e aiuole nei centri urbani sono spesso aride o ricche di piante e fiori come le rose, non utili agli insetti impollinatori. 3Bee offre la possibilità di rigenerare la biodiversità, piantumando essenze nettarifere e creando un percorso educativo sulla sostenibilità e la biodiversità all'interno di rotonde, aiuole, parchi e giardini pubblici. Un'iniziativa di riqualificazione estetica e naturale, sensibilizzazione e engagement delle comunità locali. A seguito di un'analisi agronomica preliminare, 3Bee individua le specie autoctone da mettere a dimora nell'area con l'obiettivo di garantire la rigenerazione dei pascoli nettariferi per gli impollinatori nelle aree urbane. Un progetto che si inserisce perfettamente all'interno del Bando GreenUp!, in particolare per le finalità di salvaguardia degli ecosistemi e miglioramento della qualità dell'ambiente urbano.

    Rigenerazione e sensibilizzazione per il bando GreenUp!

    Affiancarsi a un partner scientifico e tecnologico come 3Bee significa realizzare un progetto misurabile a tutela della biodiversità che, grazie a tecnologie proprietarie innovative, consente di monitorare l'impatto in tempo reale. 3Bee collabora attivamente con centri di ricerca, scuole, agricoltori, coltivatori, Comuni, enti, imprese e cittadini per promuovere l'importanza della salvaguardia della biodiversità realizzando anche progetti di divulgazione e sensibilizzazione. Tra questi spicca "3Bee: a scuola di biodiversità" il programma sostenibilità dedicato alle scuole primarie che ha già superato le 500 scuole aderenti, coinvolgendo oltre 10.000 studenti ambasciatori del cambiamento. Un'opportunità per arricchire le proposte di percorsi formativi offerti da enti locali come i Comuni, oltre a un impegno tangibile di sostenibilità sociale sul territorio. Vuoi partecipare al bando GreenUp! con il tuo Comune, presentando un innovativo progetto di rigenerazione della biodiversità?

    Di Elena Fraccaro30 novembre 2023
    Visualizzazioni53Visualizzazioni
    Condividi

    Domande Frequenti

    Hai dei dubbi o altre curiosità su questo articolo? Qui troverai spunti

    Che cos'è il bando GreenUp! per i Comuni di Padova e Rovigo?

    La Fondazione Cariparo annuncia il bando GreenUp!, un'opportunità imperdibile per i Comuni e le Unioni di Comuni delle province di Padova e Rovigo. Con un investimento di 3 milioni di euro, il bando si propone di finanziare progetti mirati alla mitigazione degli effetti del cambiamento climatico, promuovendo allo stesso tempo attività di sensibilizzazione correlate presso le comunità di riferimento. Questo sforzo non solo mira a combattere le sfide ambientali ma intende anche promuovere la consapevolezza sulla sostenibilità ambientale. Un'iniziativa che favorisce la collaborazione tra enti pubblici e privati, dimostrando un forte impegno verso un futuro più verde e sostenibile.

    Quali sono i requisiti per partecipare al bando GreenUp!?

    Il bando GreenUp! è riservato ai Comuni o Unioni di Comuni di Padova e Rovigo, con la restrizione che ciascun ente possa presentare un solo progetto. I progetti devono rientrare nelle province di Padova e Rovigo e soddisfare uno dei seguenti obiettivi: salvaguardia degli ecosistemi, miglioramento della qualità dell'ambiente urbano e promozione della mobilità sostenibile. In aggiunta, ogni progetto deve includere iniziative di sensibilizzazione sull'importanza della tutela ambientale. La Fondazione offre un contributo massimo di 100.000 euro, coprendo fino al 70% del costo totale del progetto. Per partecipare, gli enti dovranno completare l'iscrizione online entro il 12 gennaio 2024. Gli esiti della prima fase saranno annunciati entro il 15 marzo 2024, e i progetti selezionati procederanno alla seconda fase. Anche in questa fase, la candidatura dovrà avvenire online, con ulteriori dettagli forniti dopo la pubblicazione dei risultati della prima fase.

    Perché è importante rigenerare la biodiversità?

    La perdita di biodiversità è una delle emergenze più urgenti da affrontare oggi: secondo l’ISPRA, una percentuale significativa di insetti impollinatori - domestici e selvatici - sono a rischio estinzione, una situazione aggravata dal riscaldamento globale. Per contrastare la perdita di biodiversità nelle aree urbane abbiamo bisogno di un piano di biodiversità mirato, scientifico e oculato: solo in questo modo possiamo diventare resilienti alle forme più avverse del clima che subiremo nei prossimi anni e favorire il ritorno della natura nelle nostre città. In questo contesto si inserisce 3Bee, la climate tech company che sviluppa tecnologie per la tutela della biodiversità. Con il progetto Oasi della Biodiversità, 3Bee mira a creare habitat urbani e agroforestali in zone a bassa biodiversità, con l’obiettivo di rigenerarla. All'interno delle Oasi, tecnologia e natura si fondono per compiere un primo passo verso la resilienza climatica.

    Gli ultimi articoli

    PROTEGGIAMO LE API