Come Aiutare le Api? Ecco 8 Consigli

    Le api per noi non sono miele. Il mondo non sarebbe più quello che conosciamo se le api sparissero dalla faccia della Terra. Le api, intese come impollinatori a 360 gradi, contribuiscono all'intera catena alimentare. Senza il loro instancabile saremmo spacciati.
    Come <clr>Aiutare le Api</clr>? Ecco 8 Consigli

    PROTEGGIAMO LE API

    Che mondo sarebbe senza api e impollinatori?

    Non solo non ci sarebbero più molti tipi di frutta e verdura, ma anche caffè e cioccolato non sarebbero più disponibili. Gravi conseguenze colpirebbero anche l’ambiente. Senza il supporto delle api e degli impollinaotri per la riproduzione e diffusione di quasi il 90% delle piante selvatiche e spontanee, sparirebbero interi ecosistemi con una perdita di biodiversità incalcolabile. La sopravvivenza e la salute degli impollinatori è messa a dura prova da tantissimi pericoli: inquinamento, cambiamenti climatici, impoverimento degli habitat, malattie, parassiti e abuso di agrofarmaci. Queste sono le cause principali che stanno minacciando il benessere e la sopravvivenza di questi importantissimi insetti. Se per alcune di queste è necessario un intervento a livello statale e sovrastatale, noi possiamo fare qualcosa per aiutare questi importantissimi insetti? Certo! Vediamo 8 consigli per salvare le api ogni giorno.

    api da miele morte su sfondo bianco

    Le api si stanno estinguendo?

    Numerose campagne mediatiche promuovono l'erroneo mito della scomparsa delle api da miele. In realtà, pur avendo un'elevata mortalità, esse vengono costantemente "rimpiazzate". La vera preoccupazione deriva dalla negligenza degli apicoltori: incuria del territorio, ignoranza delle patologie delle api e della loro fame. Gli agrofarmaci vengono indicati come unico nemico, quando il problema è spesso interno. Il dilemma principale è la perdita di biodiversità. Molti apicoltori sfruttano ossessivamente le api da miele, sovrappopolando aree a bassa biodiversità. Quest'iper-impollinazione causa stress agli impollinatori e squilibrio nell'ecosistema. Pertanto, non dobbiamo aumentare il numero delle api da miele, bensì ridurne la mortalità.

    1. Pianta i fiori salva-api

    Uno dei gesti più semplici che si possono fare è quello di piantare in giardino, nell’orto, sul balcone e negli spazi verdi fiori che possano fornire un nutrimento prezioso per le api. Poiché l’impoverimento degli habitat è un problema di enorme portata per questi insetti, far trovare agli impollinatori fonti di nutrimento può essere molto importante. È utile dunque scegliere piante nettarifere amate dalle api e che possano offrire una fioritura scalare. Questo permetterà di avere fiori da primavera ad autunno. Ma quali sono i fiori che le api amano di più? Tra le piante primaverili, ricordiamo l’erba cipollina, il rosmarino, il tarassaco, la salvia e il trifoglio. Le piante estive, invece, sono la lavanda, l’echinacea, l’achillea, il girasole, la calendula, la malva e il tagete. In autunno abbiamo il topinambur e il crisantemo.

    2. No prodotti chimici dannosi

    Altra scelta che possiamo fare per aiutare api e impollinatori è quella di non utilizzare prodotti chimici dannosi nei nostri orti e giardini. Molti trattamenti che vengono comunemente utilizzati contro erbacce, alcuni tipi di insetti e funghi hanno effetti negativi anche sulle api. Per questo motivo è meglio preferire prodotti naturali che non vadano a danneggiare gli insetti, l’ambiente e la nostra salute. Una scelta per la loro salute e per la salvaguardia del nostro pianeta e dei suoi delicati ecosistemi.

    3. Scegli le piante giuste

    Se hai spazio, puoi non solo piantare i fiori salva-api, ma anche piante e alberi amici delle api. In questo modo fornirai agli impollinatori una preziosissima fonte di nutrimento. Loro ti ringrazieranno con alberi pieni di deliziosi frutti! Fra quelli più gettonati, ricordiamo il ciliegio, il mandorlo, il pesco, l’albicocco, il melo, il pero, il castagno e gli agrumi. Puoi anche scegliere tipologie che fioriscono d’inverno, come il nespolo e il nocciolo. Un’altra pianta molto amata dalle api è l’evodia. Questa fiorisce generalmente in tarda estate, fornendo alle api un’importante fonte di nutrimento per accumulare le scorte per l’inverno. Ci sono anche altri alberi particolarmente apprezzati per l’abbondanza di produzione di nettare. Tra i più famosi, ci sono il tiglio, la robinia, l’acero, il salice, l’eucalipto e il carrubo.

    4. Beehouse e casette per le api

    Un’iniziativa molto interessante è quella di installare in giardino o in balcone una casetta per api e impollinatori selvatici. Gli impollinatori selvatici sono importantissimi e molto spesso in difficoltà. Fornire loro un rifugio può essere utile per favorire l’impollinazione di piante e fiori. La casetta per le api, o Beehouse, non è un vero e proprio alveare. Gli impollinatori selvatici, non utilizzano la casetta per depositare il miele, ma solo per deporre uova e far crescere la futura generazione di api. 3Bee ha lanciato il progetto My Polly proprio destinato agli impollinatori selvatici. Polly house è una casetta pensata proprio per queste api solitarie. Puoi installarla dove vuoi e inserire i bozzoli di api in attesa della loro nascita. Una volta nate, impollineranno fiori e piante e torneranno nel nido per deporre nuove uova. <a href="https://

    5. Un punto di ristoro per le api

    Puoi anche creare un ambiente più a dimensione d’ape con altri piccoli gesti. Molto importante è fornire alle api nel periodo estivo delle bacinelle con dell’acqua. Puoi predisporre delle bacinelle poco profonde con al loro interno dei sassi. Le api potranno così posarsi vicino all’acqua per raccoglierla con facilità. L’acqua è infatti importantissima sia per la termoregolazione dell’alveare sia per l’allevamento della covata. Le api durante la primavera ed i primi mesi estivi in particolare, si trovano a raccogliere grandi quantità di acqua. Quest'acqua viene utilizzata per mantenere livelli ottimali di temperatura ed umidità all'interno dell'alveare, ma non solo.

    6. Aiutare le api in difficoltà

    Ci sono periodi dell’anno in cui le api hanno più difficoltà a trovare nutrimento. Ti sarà spesso capitato di vedere delle api disorientate sui davanzali o vicino alle finestre. Sono api esploratrici e bottinatrici che stanno cercando fonti nettarifere o api sorprese dal freddo o dalla fame. Per aiutarle a trovare le forze per tornare nell’alveare puoi supportarle con qualche goccia di sciroppo, preparato con acqua e zucchero. Questo darà loro le forze necessarie per il volo di ritorno a casa!

    7. Fai crescere le erbacce!

    A quanti di noi danno fastidio le “erbacce”? Spesso ci danno un senso di trascuratezza e disordine. In realtà moltissime piante selvatiche e spontanee sono importantissime per le api e il loro sostentamento! Considera che circa il 90% di queste piante dipende dalle api per la loro riproduzione e diffusione. Questo significa che quasi il 90% delle “erbacce” fornisce alle api nettare e polline. A volte lasciare il giardino o le aiuole un po’ incolte può essere utilissimo!

    8. Adotta un alveare 3bee

    Abbiamo lanciato la prima campagna per la tutela degli impollinatori, selezionando meno di 100 apicoltori e coltivatori virtuosi tra oltre 15.000 candidature. Adotta un alveare 3Bee e sostieni i primi apicoltori e grower sostenibili! Non solo riceverai il miele selezionato e prodotto dalle tue api, ma potrai monitorare per un anno il tuo alveare grazie alla tecnologia che previene la mortalità delle api. I sistemi 3Bee raccolgono i principali parametri biologici dell'alveare, permettendo all'apicoltore di controllare costantemente la salute delle api e garantendo il benessere dell'alveare. Adottando un alveare 3Bee, supporti il lavoro di questi apicoltori e coltivatori che promuovono la biodiversità, avvicinandoti a questo straordinario mondo. Il miele non deve essere la motivazione di acquisto, ma la volontà di partecipare al più grande progetto di tutela degli impollinatori.

    I dati sono usati per studiare le patologie, la fame e la mancanza di biodiversità in tutta europa.

    Di Elena Fraccaro22 settembre 2021
    Visualizzazioni1382Visualizzazioni
    Condividi

    Gli ultimi articoli

    PROTEGGIAMO LE API