Adotta Un Alveare in Emilia-Romagna

    Gli apicoltori 3Bee non sono allevatori, ma coltivano la biodiversità? Assieme stiamo sviluppando il più grande progetto per lo studio delle api. In Emilia-Romagna abbiamo apicoltori virtuosi con cui stiamo collaborando. Scopriamone qualcuno.
    Adotta Un Alveare in Emilia-Romagna

    PROTEGGIAMO LE API

    3Bee Hive-Tech

    L'approccio di 3Bee per la tutela della biodiversità

    3Bee è la Nature Tech company che sviluppa tecnologie per la tutela della biodiversità. 3Bee Hive-Tech è il primo sistema di 3Bee che consente di analizzare lo stato di salute e di “fame” delle api da miele, sentinelle ambientali per eccellenza. Nel tempo, abbiamo sviluppato altre tecnologie per studiare e monitorare tutti gli insetti impollinatori e creato oltre 200 Oasi della Biodiversità con migliaia di piante nettarifere per garantire loro nutrimento. Vogliamo così creare un circolo virtuoso: i nostri apicoltori si trasformano per esigenza in coltivatori di Oasi e promotori della biodiversità ambientale. Non incentiviamo la produzione massiva e gli allevamenti densi, che hanno un impatto negativo sulla biodiversità e sugli impollinatori. Riconosciamo però il valore del miele come simbolo prezioso della biodiversità di un ambiente e uno strumento di divulgazione dell'impegno e tutela di un'area, da consumare con parsimonia e rispetto per il ciclo di vita di questi insetti.

    L’apicoltura in Emilia-Romagna

    In Emilia-Romagna l’apicoltura ha una tradizione molto forte, con radici risalenti nel tempo. Tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900 si sono poste le basi per l’apicoltura così come viene condotta oggi. Negli anni ’30 del secolo scorso è stato fondato anche un Istituto Nazionale di Apicoltura. Questa attività è estremamente diffusa nelle zone rurali, soprattutto nelle aree della Pianura Padana e dell’Appennino. Gli impollinatori in questa regione possono impollinareerba medica, il mirtillo, il pruno selvatico, il rovo, la lupinella e il lampone. A livello di alveari, l’Emilia-Romagna è una tra le regioni italiane più popolose, con circa 5000 attività apistiche, di cui 1654 professionisti, e 150.946 alveari. Questi numeri sono spaventosi. In Emilia dove ci sono disastri di biodiversità, si rischia sovraimpollinazione danneggiando gli impollinatori selvatici. 3Bee nasce per tutelare la biodiversità e assieme ai nostri apicoltori sostenibili stiamo cambiando le regole.

    Terreno com molta biodiversità in Emilia

    La biodiversità in Emilia-Romagna

    L'Emilia-Romagna, grazie alla sua posizione geografica, è caratterizzata da una notevole biodiversità, con 2.700 diverse specie di piante, oltre 350 specie di vertebrati e un'ampia varietà di habitat. Tuttavia, l'importanza dell'agricoltura nell'economia regionale sta causando una crescente pressione sulla biodiversità.

    L'intensificazione dell'agricoltura comporta un uso eccessivo di fertilizzanti chimici e pesticidi, provocando l'inquinamento del suolo e dell'acqua. Le pratiche di monocultura riducono la diversità delle piante e, di conseguenza, abbassano l'indice di biodiversità nella regione. Infine, l'erosione del suolo sta raggiungendo livelli preoccupanti a causa di pratiche agricole non sostenibili.

    È fondamentale adottare misure per contrastare questi problemi e proteggere la biodiversità dell'Emilia-Romagna, promuovendo pratiche agricole più sostenibili e rispettose dell'ambiente.

    Il Miele della Nonna di Cimatti Enrico

    Nel cuore della Romagna, Enrico, aiutato dal padre Giuseppe e dalla madre Laura, conduce la sua attività apistica. Le loro api, attingendo dalla flora del territorio, producono miele di acacia, tiglio e millefiori. Questa piccola azienda a conduzione familiare è nata da una passione che si tramanda in famiglia da ben 3 generazioni. Enrico, fin da piccolo, seguiva le api con i nonni paterni, a cui ha dedicato il nome della sua realtà apistica. Grazie alla tecnologia 3Bee Enrico e la sua famiglia possono gestire al meglio le loro api, monitorandole costantemente da remoto. Aderendo ad “Adotta un alveare”, hanno modo di far conoscere il loro miele 100% romagnolo in tutta Italia.

    Bee Patient

    Il miele Bee Patient è un miele millefiori prodotto all’interno dell’Oasi Zarda, in provincia di Ferrara. Qui le api possono raccogliere nettare e polline attingendo a una vastissima vegetazione, composta da aree boschive, indaco, tarassaco, cardo ed erba medica. Oltre ad avere a loro disposizione le acque pulite e incontaminate del lago del Quaternario, le api possono anche raccogliere melata per la produzione del loro prezioso miele. Sulla nostra piattaforma "Adotta un alveare" potrai scegliere di adottare il miele Bee Patient!

    Apicoltura Pilotti

    Andrea appartiene a una famiglia di apicoltori. Già a inizio ‘900, suo nonno allevava le api e ha trasmesso la passione al figlio, che a sua volta l’ha trasmessa ad Andrea. Oggi gestisce l’azienda di famiglia con l’aiuto della moglie e del figlio. L’apicoltura di Andrea ha sede a Salsomaggiore Terme, in collina, dove non si trovano né industrie né fonti di inquinamento. Grazie alle estese coltivazioni di erba medica e trifoglio, il suo millefiori acquisisce un sapore unico, tutto particolare. Andrea non conduce solo apicoltura stanziale, ma sposta le api anche in montagna, in Val di Taro, dove le sue api possono produrre anche miele di castagno. Tra le altre tipologie, ricordiamo il tarassaco, l’acacia, il tiglio e l’ailanto. Pur non aderendo al metodo biologico, Andrea pratica un’apicoltura davvero rispettosa delle api, il cui benessere è considerato primario. Grazie ai sistemi 3Bee, può monitorarle costantemente.

    Di Elena Fraccaro7 agosto 2020
    Visualizzazioni562Visualizzazioni
    Condividi

    Gli ultimi articoli

    PROTEGGIAMO LE API