ESG: bilancio di sostenibilità e asset a livello globale

    Per le pratiche di investimento sostenibili nel rispetto dei criteri ESG, i gestori patrimoniali possono migliorare gli asset a livello globale attraverso i loro prodotti. Acquisisce fondamentale importanza il bilancio sostenibile nelle decisioni di investimento e gestioni delle attività.
    ESG: bilancio di sostenibilità e asset a livello globale

    PROTEGGIAMO LE API

    Bilancio di sostenibilità e  gestori patrimoniali

    Bilancio di sostenibilità e gestori patrimoniali

    Il bilancio sostenibile è estremamente importante per i gestori patrimoniali poiché consente loro di integrare la sostenibilità nelle decisioni di investimento e nella gestione delle attività. Il bilancio sostenibile aiuta a mitigare i rischi, migliorare la performance finanziaria, conformarsi alle normative, coinvolgere gli investitori e contribuire alla sostenibilità complessiva. Integrare considerazioni ESG nella gestione patrimoniale non solo è un'opportunità per creare valore a lungo termine, ma anche per promuovere un'economia sostenibile e responsabile.

    Finanza sostenibile: sondaggio Sustainable Signals

    Finanza sostenibile: sondaggio Sustainable Signals

    L’ultimo sondaggio Sustainable Signals del Morgan Stanley Institute for Sustainable Investing evidenzia che il mercato sugli investimenti sostenibili è in crescita in base all’area geografica. Gli investitori istituzionali continuano ad appoggiare gli investimenti sostenibili in quanto la domanda è aumentata del 77% negli ultimi due anni. L'area EMEA (acronimo dell'inglese Europe, Middle East, and Africa) è attualmente superiore alle altre aree geografiche, ma l'area APAC sembra destinata a crescere maggiormente nei prossimi due anni. Il rapporto presenta i risultati di un'indagine quantitativa online condotta da Coalition Greenwich per conto del Morgan Stanley Institute for Sustainable Investing. Sono stati esaminati tra aprile e maggio 2022, 201 proprietari di patrimoni in Nord America, Europa e Asia Pacifico e 110 gestori patrimoniali nelle stesse regioni. Tra gli asset owner figurano: assicuratori, fondi pensione, istituzioni finanziarie, fondazioni e dotazioni.

    Gestori patrimoniali e investimenti sostenibili

    Gestori patrimoniali e investimenti sostenibili

    Il sondaggio suggerisce che i gestori patrimoniali possono adottare pratiche d'investimento sostenibili, considerate prioritarie dalla maggior parte dei proprietari di asset, evidenziate da un divario di 49 punti percentuali nelle pratiche di reporting e divulgazione ESG desiderate. Inoltre, i gestori patrimoniali possono progettare nuovi prodotti di investimento per soddisfare la crescente domanda degli asset owner su una serie di temi di sostenibilità. Infine, i gestori patrimoniali possono fornire accesso a un maggior numero di metriche ESG comunemente ricercate dai proprietari di asset, come dimostra il sondaggio con 29 punti percentuali nei dati relativi agli stress test sul rischio climatico e 22 punti percentuali nei dati relativi all'analisi di scenario del rischio climatico.

    Opportunità ESG e sfide per la crescita del mercato

    Opportunità ESG e sfide per la crescita del mercato

    Sia i prodotti ESG standardizzati che i portafogli personalizzati sono destinati a crescere, anche se in modo diverso da regione a regione. I gestori e i proprietari di asset hanno l'opportunità di fissare obiettivi in base alle esigenze dei clienti. Gli investitori istituzionali cercano dati migliori per misurare l'impatto ambientale e sociale, inoltre, devono fare i conti con una carenza di talenti. Dall’indagine Sustainable Signals è emerso che l'85% dei gestori patrimoniali e l'83% dei proprietari di asset già implementano o prevedono di implementare in tutti o in parte i loro portafogli.

    Investitori istituzionali verso la sostenibilità

    Investitori istituzionali verso la sostenibilità

    La finanza ha un ruolo crescente nel favorire la transizione energetica verso un mondo a zero emissioni. Tutti gli investitori istituzionali impiegano un ampio spettro di approcci agli investimenti sostenibili nei loro portafogli con maggiore integrazione dei prodotti ESG. L'unica eccezione è rappresentata dai gestori patrimoniali in EMEA, dove l'86% degli intervistati attua uno screening di esclusione, negativo e di restrizione, basato sui valori. Tra le classi di attività, le azioni pubbliche rimangono dominanti, adottate dal 66% dei gestori patrimoniali e dal 64% dei proprietari di patrimoni.

    Cresce l'interesse per gli investimenti sostenibili

    Cresce l'interesse per gli investimenti sostenibili

    Quasi otto investitori istituzionali su dieci hanno segnalato un interesse per gli investimenti sostenibili da maggio 2020. I proprietari di asset APAC hanno riscontrato un maggiore interesse (92%), seguiti da vicino dai gestori patrimoniali EMEA (86%), dai proprietari patrimoniali EMEA (82%) e dai gestori patrimoniali APAC (82%). Alla domanda su cosa stesse guidando la crescita, i gestori patrimoniali globali hanno citato principalmente una combinazione di domanda da parte dei clienti e la pressione degli investitori, mentre i proprietari di patrimoni globali hanno citato l'opinione pubblica. Tuttavia, le dinamiche regionali sono diverse con gli sviluppi normativi che rappresentano un fattore critico nell'area EMEA e la performance del mercato per i proprietari di asset dell'APAC.

    Sviluppo del mercato sostenibile e differenze regionali

    Sviluppo del mercato sostenibile e differenze regionali

    L’indagine ha rilevato che le società di gestione patrimoniale europee stanno superando quelle del Nord America e dell'Asia Pacifica in termini di integrazione delle politiche e delle pratiche di investimento sostenibile all'interno delle loro società. Tuttavia, i risultati suggeriscono anche che gli investitori istituzionali dell'APAC, in particolare i gestori patrimoniali, hanno espresso un maggior interesse ad accrescere la propria quota di mercato di investimenti sostenibili nei prossimi 24 mesi. I gestori APAC sono in testa per quanto riguarda i piani di espansione dei prodotti di investimento sostenibile, con particolare interesse per gli Hedge Fund (36%), il Private Debt (33%) e il Real Asset (31%). Ampliamento anche per gli approcci all'investimento sostenibile, tra cui il coinvolgimento degli azionisti (45%), l'integrazione ESG (32%), screening delle restrizioni (32%) e investimenti tematici (23%).

    Soddisfare la crescente domanda dei proprietari di asset

    Soddisfare la crescente domanda dei proprietari di asset

    L’indagine ha evidenziato diverse aree in cui i gestori patrimoniali hanno l'opportunità di soddisfare l’interesse per gli investimenti sostenibili e la domanda degli asset owner. Queste opportunità forniscono indicazioni su come gli asset manager possano differenziarsi meglio in questo mercato in via di maturazione. I gestori patrimoniali hanno l'opportunità di adottare e articolare meglio le loro pratiche di investimento sostenibile per soddisfare le richieste dei clienti attuali e potenziali. I proprietari di patrimoni considerano prioritari, nella valutazione e nella selezione, i gestori terzi nelle varie misure di investimento. Il divario maggiore (49 punti percentuali) riguarda la divulgazione delle informazioni ESG. Solo il 39% dei gestori patrimoniali riporta le performance ESG insieme a quelle finanziarie, nonostante l'88% degli asset owner dichiara di ricercare gestori terzi che abbiano tali pratiche.

    Accesso a un maggior numero di metriche ESG

    Accesso a un maggior numero di metriche ESG

    I proprietari di patrimoni vogliono maggiore trasparenza dalle società che gestiscono i loro asset su questioni ESG che vanno dal cambiamento climatico alla governance (struttura del consiglio di amministrazione e al voto per delega). Ad esempio, metà dei proprietari di asset vuole dati relativi al rischio climatico, ma meno di un terzo dei gestori patrimoniali fornisce queste metriche ai clienti, nonostante l'argomento sia uno dei punti chiave della Task Force on Climate-Related Financial Disclosure sulle informazioni finanziarie relative al clima.

    Opportunità e sfide per la crescita del mercato

    Opportunità e sfide per la crescita del mercato

    I gestori patrimoniali possono differenziare le loro aziende e porre le basi per guadagnare quote in un mercato in crescita aumentando il patrimonio in gestione. Allo stesso tempo, le sfide alla crescita persistono. Otto proprietari di asset su dieci hanno rivelato di non disporre dei dati necessari per misurare adeguatamente il loro impatto ambientale e sociale, e di dover far fronte a una fuga di talenti per quanto riguarda gli specialisti in investimenti sostenibili.Tra gli strumenti di investimento sostenibili specifici, le compensazioni, le quote di carbonio e le quote di emissioni, stanno registrando un crescente interesse da parte degli investitori. Infatti, quasi un terzo dei gestori e dei proprietari di patrimoni (32%) prevede di investire in questo settore nei prossimi 24 mesi.

    Obiettivi per un mondo a zero emissioni

    Obiettivi per un mondo a zero emissioni

    Si è riscontrato un interesse da parte dei proprietari di asset a richiedere ai gestori esterni di investimenti con un obiettivo o una strategia di emissioni nette pari a zero di gas serra entro i prossimi due anni. Anche se gli investitori istituzionali abbracciano l'investimento sostenibile e citano un interesse crescente, l’indagine ha rilevato che la maggioranza (il 64% dei gestori patrimoniali e il 70% dei proprietari di patrimoni) non hanno ancora un obiettivo di emissioni nette di gas serra pari a zero. L’indagine dimostra che è urgente colmare le lacune in termini di dati sull'impatto ESG e di sviluppare il settore degli investimenti sostenibili. Nel complesso, queste azioni possono contribuire ad accrescere la credibilità e l'adozione delle strategie di investimento sostenibile tra gli investitori istituzionali in tutto il mondo. In quest’ottica 3Bee può fornire un valido apporto alle PMI in qualità di partner della biodiversità che fornisce soluzioni innovative e trasparenti.

    Di Elena Fraccaro1 dicembre 2023
    Visualizzazioni107Visualizzazioni
    Condividi

    Domande Frequenti

    Hai dei dubbi o altre curiosità su questo articolo? Qui troverai spunti

    Cosa si intende per bilancio sostenibile?

    Il bilancio sostenibile è estremamente importante per i gestori patrimoniali poiché consente loro di integrare la sostenibilità nelle decisioni di investimento e nella gestione delle attività. Il bilancio sostenibile aiuta a mitigare i rischi, migliorare la performance finanziaria, conformarsi alle normative, coinvolgere gli investitori e contribuire alla sostenibilità complessiva. Integrare considerazioni ESG nella gestione patrimoniale non solo è un'opportunità per creare valore a lungo termine, ma anche per promuovere un'economia sostenibile e responsabile.

    Quali sono le sfide del mercato in crescita?

    Sia i prodotti ESG standardizzati che i portafogli personalizzati sono destinati a crescere, anche se in modo diverso da regione a regione. I gestori e i proprietari di asset hanno l'opportunità di fissare obiettivi in base alle esigenze dei clienti. Gli investitori istituzionali cercano dati migliori per misurare l'impatto ambientale e sociale, inoltre, devono fare i conti con una carenza di talenti. Dall’indagine Sustainable Signals è emerso che l'85% dei gestori patrimoniali e l'83% dei proprietari di asset già implementano o prevedono di implementare in tutti o in parte i loro portafogli.

    Come creare interesse negli investimenti ESG?

    Quasi otto investitori istituzionali su dieci hanno segnalato un interesse per gli investimenti sostenibili da maggio 2020. I proprietari di asset APAC hanno riscontrato un maggiore interesse (92%), seguiti da vicino dai gestori patrimoniali EMEA (86%), dai proprietari patrimoniali EMEA (82%) e dai gestori patrimoniali APAC (82%). Alla domanda su cosa stesse guidando la crescita, i gestori patrimoniali globali hanno citato principalmente una combinazione di domanda da parte dei clienti e la pressione degli investitori, mentre i proprietari di patrimoni globali hanno citato l'opinione pubblica.

    Quali sono le differenze regionali nei criteri ESG?

    L’indagine ha rilevato che le società di gestione patrimoniale europee stanno superando quelle del Nord America e dell'Asia Pacifica in termini di integrazione delle politiche e delle pratiche di investimento sostenibile all'interno delle loro società. Tuttavia, i risultati suggeriscono anche che gli investitori istituzionali dell'APAC, in particolare i gestori patrimoniali, hanno espresso un maggior interesse ad accrescere la propria quota di mercato di investimenti sostenibili nei prossimi 24 mesi. I gestori APAC sono in testa per quanto riguarda i piani di espansione dei prodotti di investimento sostenibile, con particolare interesse per gli Hedge Fund (36%), il Private Debt (33%) e il Real Asset (31%). Ampliamento anche per gli approcci all'investimento sostenibile, tra cui il coinvolgimento degli azionisti (45%), l'integrazione ESG (32%), screening delle restrizioni (32%) e investimenti tematici (23%).

    Quali sono le metriche ESG?

    I proprietari di patrimoni vogliono maggiore trasparenza dalle società che gestiscono i loro asset su questioni ESG che vanno dal cambiamento climatico alla governance (struttura del consiglio di amministrazione e al voto per delega). Ad esempio, metà dei proprietari di asset vuole dati relativi al rischio climatico, ma meno di un terzo dei gestori patrimoniali fornisce queste metriche ai clienti, nonostante l'argomento sia uno dei punti chiave della Task Force on Climate-Related Financial Disclosure sulle informazioni finanziarie relative al clima.

    Gli ultimi articoli

    PROTEGGIAMO LE API